rotate-mobile
Cultura

"Napoli in vetta", presentato il Maggio dei Monumenti 2023: oltre 80 eventi ad ingresso gratuito

Manfredi: "Sarà un viaggio alla riscoperta della città che si sta risvegliando e si sta riscoprendo capitale. Esistono tante Napoli che hanno storie da raccontare"

“Napoli in vetta” è il titolo della XXIX edizione del Maggio dei Monumenti, in programma in città dal 12 maggio al 4 giugno. Il calendario della tradizionale manifestazione culturale partenopea proporrà oltre 80 eventi ad ingresso gratuito. 

Il tema al centro dell'edizione 2023 troverà una pluralità di originali declinazioni con itinerari storico-artistici, spettacoli di danza, rappresentazioni teatrali, concerti, film, reading e iniziative speciali. Alcune delle iniziative sono state illustrate nel corso di una conferenza stampa a Palazzo San Giacomo.

"Si tratta di un grande programma per la città, frutto di un anno di lavoro intenso. Il sindaco ha dato fiducia a questo gruppo di lavoro della cultura. L'appiglio al calcio nel titolo della manifestazione è chiaro. Napoli deve abituarsi a stare ai vertici della classifiche. L'evento si sviluppa su vari filoni. Oltre 80 iniziative coinvolgeranno tutti i quartieri della città per tutto il mese di maggio, fino all'inizio di giugno. Ci saranno tante iniziative anche delle associazioni che operano sul territorio. Importante sarà anche il contributo della scuola e dei giovani, con l'associazione Napoli Novantanove. Abbiamo fatto davvero uno sforzo eccezionale", ha spiegato Sergio Locoratolo, coordinatore delle politiche culturali del Comune di Napoli. 

Nel corso delle presentazione sono intervenuti anche la prof.ssa Francesca Amirante, consigliera del sindaco per il patrimonio culturale diffuso, che rivelato alcune iniziative straordinarie, come quelle dell'apertura dell'Osservatorio Astronomico il sabato o il percorso sugli uccelli alla Gaiola, ed il prof. Andrea Mazzucchi, consigliere del sindaco su biblioteche e programmazione culturale integrata, che ha parlato della riscoperta di terrazze inedite cittadine, con manifestazioni teatrali e musicali". 

Manfredi: "Bisogna valorizzare le tante facce nascoste della città. Esistono tante Napoli che hanno storie da raccontare"

A concludere la presentazione dell'attesa kermesse culturale è stato l'intervento del sindaco Gaetano Manfredi: "Oggi presentiamo il primo Maggio dei Monumenti pienamente scelto da noi. È un programma molto articolato, che vuole raccontare la cultura della città, che rappresenta il suo grande punto di forza. Lo facciamo partendo dall'idea di guardare la città nella sua ampiezza, facendo scoprire ai turisti che esistono tante Napoli che hanno storie da raccontare. C'è bisogno di valorizzare le tante facce nascoste della città, che talvolta non conoscono neanche i napoletani. Per questo sarà un po' un viaggio di riscoperta di una Napoli che si sta risvegliando e si sta riscoprendo capitale. È un maggio dei monumenti corale, che vede la partecipazione di tante componenti e associazioni della città e che rappresentano una ricchezza. C'è poi grande collaborazione con tutto il sistema del turismo napoletano. L'idea di trasformare le terrazze degli alberghi in luoghi per ospitare alcuni spettacoli è quella di far diventare le nostre strutture ricettive anche luoghi di cultura e non solo di accoglienza per mangiare e dormire. C'è questa dimensione di percorrere nuove strade. L'idea forte è che per fare cultura, bisogna fare qualità. Tutti gli eventi organizzati dal Comune, inseriti nel programma ufficiale, sono gratuiti e ad accesso libero. In alcuni casi è necessaria la prenotazione. Altri eventi organizzati da associazioni private, invece, possono essere a pagamento".

IL PROGRAMMA COMPLETO DEL MAGGIO DEI MONUMENTI

Fuori Maggio

Nell’edizione 2023 della manifestazione è presente la sezione “Fuori Maggio”, segmento di programmazione che comprende iniziative indipendenti organizzate in adesione ad uno specifico invito lanciato dal Comune di Napoli. “Scale di maggio”, “Il tour della canzone napoletana”, “L’arte e la scienza medica del Museo Anatomico”, “San Giorgio ai Mannesi. Dalla terra al cielo”, sono solo alcune delle numerose attività promosse da associazioni, musei e singoli operatori. Significativa, poi, la presenza de "La scuola adotta un monumento", curata dalla Fondazione Napoli Novantanove, che collega il Maggio dei Monumenti al suo momento fondativo. Le Terme romane di via Terracina, Fontana di Spinacorona e altri siti potranno essere visitati e riscoperti grazie all’impegno di docenti e studenti napoletani. Da segnalare anche il progetto del “Coordinamento Scale” che, grazie al contributo dei cittadini, racconterà i dislivelli della città, dalle pedamentine ai pallonetti ai gradoni alle salite. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Napoli in vetta", presentato il Maggio dei Monumenti 2023: oltre 80 eventi ad ingresso gratuito

NapoliToday è in caricamento