Un nuovo libro di Donato Verardi sul mago scienziato napoletano Giovan Battista della Porta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

È da poco disponibile un nuovo libro a firma di Donato Verardi: Logica e Magia. Giovan Battista Della Porta e I segreti della natura (Agorà & CO, Lugano 2017), dedicato al misterioso e affascinate mago e scienziato campano. Il libro inaugura una nuova collana del gruppo editoriale Agorà & Co., ''Dellaportiana. Studi e testi di Filosofia naturale'', interamente dedicata a Della Porta e alla diffusione europea del “naturalismo mediterraneo” tra Rinascimento ed età moderna. La collana è diretta da un comitato scientifico che vanta nomi di respiro internazionale: dall’Accademica dei Lincei Lina Bolzoni, allo storico della scienza Maurizio Torrini, passando per Graziella Federici Vescovini (Académie internationale d’histoire des sciences) ed Antoni Malet, presidente della European Society for the History of Science. Pensatore ‘più famoso che noto’, Della Porta è uno dei protagonisti più rappresentativi della cultura filosofica e scientifica rinascimentale. Nato a Vico Equense (per alcuni a Napoli) è il primo ascritto all’Accademia dei Lincei. Si distingue ben presto per i suoi studi di ottica, di fisiognomica e di magia naturale, raggiungendo risultati di gran pregio anche sul versante del teatro. Il libro ricostruisce la posizione di Della Porta circa il tema degli ‘occulti segreti della natura’, approfondendo i rapporti che essa intrattiene con le riflessioni coeve sulla logica e l’astrologia, concentrandosi in particolare sul dibattito napoletano. Per Della Porta, il mago naturale è colui che, dotato dal cielo di nascita di particolari capacità, mette in relazione, anche tramite un’adeguata preparazione teorica, gli astri e il mondo corruttibile della materia sublunare. A distinguerlo dal filosofo naturale, troppo impegnato nella ricerca delle ‘ragioni delle cose’, è la consapevolezza che lo sforzo ermeneutico della magia naturale si misura soprattutto nel quadro della comprensione empirica, ma non per questo esente da una doverosa giustificazione logica delle qualità occulte dei segreti della natura. Per ordini, e per tutte le informazioni, contattare dellaportiana@mail.com

Torna su
NapoliToday è in caricamento