Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Interrompo dal San Paolo": venti donne raccontano il Napoli

Venti racconti scritti da altrettante giornaliste e raccolti nel volume pubblicato da Giammarino Editore. Ogni storia è abbinata a un calciatore azzurro: "Non parliamo di statistiche, ma di calcio romantico"

 

Venti donne raccontano il Calcio Napoli e lo fanno partendo dalle emozioni, piuttosto che dalle fredde statistiche. "Interrompo dal San Paolo" è l'avventura libraria della Giammarino Editore e di venti giornaliste che hano scritto altrettante storie, ognuna di esse legata a un calciatore azzurro. Da Hamsik a Mertens, da Iuliano a Zola, da Giordano a Careca, da Sivori a Higuain ce n'è per tutte le epoche. 

Nell'incantevole corince del circolo Rari Nantes, la giornalista Taisia Raio, coautrice del libro, ha voluto riunire l'editore Gino Giammarino, il curatore della pubblicazione Pietro Nardiello, il sindaco Luigi de Magistris e lo scienziato Antonio Giordano per presentare 'Interrompo dal San Paolo' e anche per ricordare il padre, Vittorio Raio, storica firma sportiva del Mattino, scomparso nel 2016. Un ricordo cui si è unito, in collegamento telefonico, anche il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis: "Vittorio era un giornalisto critico, ma onesto. Sempre costruttivo e mai distruttivo nei confronti della squadra e edella società. Sono stato fortunato a conoscerlo". 

Il racconto di Taisia Raio, 'Marek Hamsik - Un goal, il blog, l'amore' è proprio dedicato al padre: "E' un cerchio che si chiude per me. L'ultimo articolo di papà è stato proprio sull'ex capitano del Napoli. Credo che noi donna abbiamo la capacità di leggere il calcio partendo dal cuore e non dagli affari". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento