menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Book&blabla il 23 e il 24 febbraio 2010 al Kestè

Il 23 e il 24 febbraio 2010 al Kestè di Napoli ci sarà Book&blabla: Martedì 23 febbraio l’incontro sarà sul libro La strage dei fiori. Poesie persiane di Forugh Farrokhzad, il mercoledì 24, invece, è dedicato alla musica con Il Nero Ti Dona

Il martedì al Kestè Napoli è Book&blabla uno spazio dedicato all’incontro e al confronto, in cui novità editoriali in uscita e testi già editi, cataloghi fotografici e illustrazioni, diverranno spunto di dibattito in compagnia degli autori. Il 23 febbraio l’incontro sarà incentrato sul libro La strage dei fiori. Poesie persiane di Forugh Farrokhzad, nella traduzione italiana di Domenico Ingenito (Edizioni Orientexpress, 2008).

Parliamo d’Iran, e parliamo della poesia che accende da lato a lato questa terra. Iran, nel tempo terra di disastri, certamente, ma nel disastro sono intere costellazioni d’astri a crollare al suolo per illuminare la terra. Iran è il sacro, è la pietra, è il nero, è porta sfondata, è oro e catrame, è denti bianchissimi. È luogo dove piangere, non comporta vergogna. Tutto questo attraversa Forugh Farrokhzad, la Poetessa del Novecento persiano, morta giovanissima nel 1967.

La sua poesia raccoglie il rosso vivo della sua terra, uno a uno i papaveri bruciati nel bacio di chi desidera, nelle mani sotterrate dalla neve, senza sosta. Femmina che mostra lo sguardo sul corpo maschile, che tocca i confini della sua cultura senza negarli, senza rivendicare altra cosa che il vino sul petto dell’amato. Ed è donna e maschio, quando nel canto semplice espone la bellezza degli oggetti nella loro purezza, dove mondo è giardino e i corpi sono fiori, e dove, poco a poco, comprendiamo qualcosa dell’incontro, degli sterminati fiori.

L’incontro/dibattito sarà impreziosito dall’intervento musicale dei Bonamera duo. Simona Schettini e Lorenzo Miletti sono parte dalla Bonamanera, un gruppo napoletano nato una decina di anni fa e dedito alla ricerca sulla musica tradizionale. Per l’occasione i due musicisti si confronteranno con il grande universo della musica persiana, offrendo un piccolo campione di un enorme repertorio, generalmente ignoto al pubblico occidentale.

Il mercoledì al Kestè Napoli è interamente dedicato alla musica con gli show-case live e il Klab Kontest. Ogni settimana sarà presentato un nuovo lavoro discografico e poi, alle ore 22.30, il palco del Kestè Napoli ospiterà una band selezionata attraverso il bando del Klab Kontest.

L’appuntamento show-case live del 24 febbraio è con la band Il Nero Ti Dona, che presenterà il disco d’esordio “Studiando il modello terrestre”. Il Nero Ti Dona nasce a Napoli, nel 2004, da un'idea di Mario Barbarulo, Fabrizio Cirillo e Maurizio Triunfo ai quali si aggiunge nel 2007, dopo il cambio di varie presenze al basso, Francesca Del Gaudio. Inizialmente la band adotta l'inglese come lingua per i propri testi, dando vita, nel primo anno di attività, alla demo-EP autoprodotta di 4 tracce.

Nel 2006 approda ai testi in italiano, per ottenere una maggiore espressività nella voce e una maggiore profondità di senso e suggestioni nell'uso delle parole. Nel 2007 si aggiunge al gruppo la bassista Francesca Del Gaudio e, nel maggio dello stesso anno, la band registra la sua prima demo in lingua italiana, nonché la prima in presa diretta, "Fra corpi e gravità".

Nel 2008 la band registra "Studiando il modello terrestre", il primo album autoprodotto Nel settembre dello stesso anno, dopo le selezioni regionali, il gruppo partecipa alla finale nazionale di Rock Targato Italia XX edizione al Legend 54 di Milano.

Nel 2009 la band è tra le finaliste in Campania per Italia Wave e figura tra le dieci migliori band campane per Primo Maggio Tutto L'Anno.

A febbraio 2010 è stato ripubblicato l’album "Studiando il modello terrestre", dopo un lavoro di rimissaggio e remastering, poiché in uscita su etichetta Soulfingers Records di Enzo Rizzo, con distribuzione nazionale Audioglobe. www.myspace.com/ilnerotidona

A seguire il Klab Kontest ospiterà la band Progelfo, collettivo partenopeo composto da Marco Castellano (voce), Luca Scognamiglio (chitarra), Fernando Artigiano (basso), Emiliano DellaJoe (batteria), Simao Sibinho (chitarra), Orghe Vargas (piffero). La band, nata nel 1999, ha un proprio repertorio originale, influenzato dalla tradizione pop/rock italiana e da molti altri generi musicali come il rock, colonne sonore, il pop/folk dell'Italia Meridionale, ska e bossa nova.

Martedì 23 febbraio
La strage dei fiori. Poesie persiane di Forugh Farrokhzad
traduzione italiana di Domenico Ingenito (Edizioni Orientexpress, 2008)
incontro/dibattito con Iaia De Marco e Domenico Ingenito
 
intervento musicale Bonamanera duo
Simona Schettini: (voce, bendir), Lorenzo Miletti (saz)
 
Mercoledì 24 febbraio
Il Nero Ti Dona show-case live
a seguire
Progelfo klab kontest
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento