Cultura

Anniversario morte Gennaro Cilento, la polemica: "Un grande artista napoletano già dimenticato dalle istituzioni"

A sottolinearlo è SulSud.it, che spiega: "Il museo ferroviario di Torino, dove Gennaro ha tenuto la sua ultima mostra in vita, ha lasciato in esposizione permanente una delle sue tele mentre la sua Napoli lo ha già dimenticato"

È stato ricordato stamattina, nella chiesa di Santa Maria dei Vergini alla Sanità, il giovane artista partenopeo Gennaro Cilento, Era giovanissimo quando si è spento tre anni fa, il 10 giugno del 2018.

Ne ha scritto SulSud.it dalla propria pagina social, sottolineando come "pur essendo un artista di alto livello, per Gennaro non è stato posato neanche un fiore da parte delle istituzioni napoletane. Gennaro non faceva parte di nessun circoletto, non aveva amici assessori o consiglieri. Era semplicemente un artista e, per questo, non ha mai avuto la vita semplificata".

Gennaro Cilento è stato il fondatore della Trip Art, dallo stile inconfondibile. Era amatissimo da chiunque lo conosceva, per la bontà d'animo, la trasparenza e la sua assoluta lealtà.

"È solo grazie al lavoro degli amici che lo hanno amato in vita se le opere di Gennaro continuano ad andare in esposizione. Molto triste osservare che il museo ferroviario di Torino, dove Gennaro ha tenuto la sua ultima mostra in vita, ha lasciato in esposizione permanente una delle sue tele mentre a Napoli, la sua Napoli, lo ha già dimenticato - continua ancora SulSud.it - Eppure, subito dopo la sua morte, si moltiplicarono le belle parole per Gennaro, le promesse mai mantenute, le azioni che si sarebbero dovute intraprendere per non dimenticarlo, anche da parte delle istituzioni locali. Di fatto, però, ad oggi non c'è neanche un fiore sotto casa sua che lo ricordi. L'unica cosa certa è che Gennaro ci manca e chi ha avuto il privilegio di conoscerlo in vita non lo dimenticherà mai".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anniversario morte Gennaro Cilento, la polemica: "Un grande artista napoletano già dimenticato dalle istituzioni"

NapoliToday è in caricamento