La rassegna / Massa lubrense

Torna il “Festival Internazionale del Giornalismo e del Libro d’inchiesta”

Dal 5 giugno al 4 settembre la terza ‘Summer Edition’ della rassegna 
all’Hotel Gocce di Capri di Massa Lubrense

Il giornalismo e la scrittura come potenti strumenti di legalità, per coltivare la cultura del rispetto delle regole, contro le mafie e le corruzioni. Su questi temi si svolgerà la III edizione del Festival Internazionale del Giornalismo e del Libro d’inchiesta, rassegna unica nel suo genere, in programma dal 5 giugno al 4 settembre a Massalubrense. L’hotel Gocce di Capri (www.goccedicapri.it) torna di nuovo l’epicentro del dibattito culturale e politico in costiera sorrentina e si conferma come appuntamento fisso tutti i lunedì sera d’estate sulla terrazza con vista su Capri

Nata da un’idea dell’imprenditore e consulente turistico Marco Cocurullo e del giornalista Vincenzo Iurillo, anche stavolta si è avvalsa della preziosa consulenza editoriale del giornalista e scrittore Max Civili e toccherà come sempre importanti temi al centro della cronaca e del dibattito pubblico: il business che ruota intorno al calcio, la guerra in Ucraina, le ragioni della vittoria della destra. Incontri e dibattiti con autori di libri di successo e conosciuti al grande pubblico, che interagiranno con magistrati, giornalisti e politici.

Ed è proprio da ‘Le nuove guerre del calcio’ (Feltrinelli) di Marco Bellinazzo, libro che spiega le diseguaglianze e gli squilibri del calcio moderno attraversato negli ultimi venti anni da un forsennato sviluppo economico e tecnologico, che la rassegna ripartirà lunedì 5 giugno. Tra gli ospiti, i presidenti dei Napoli Club Sorrento e Massa Lubrense, Gaetano Mastellone e Raffaele Trippaldella e lo scrittore Marcello Altamura, moderati dalla giornalista sportiva di Canale 8 Italia Mele.

Il 12 giugno il dibattito verterà sul ruolo del giornalismo d’inchiesta nel caso Vassallo, ovvero su come trasmissioni televisive e inchieste sulla carta stampata hanno rivitalizzato la dimenticata indagine giudiziaria su uno dei più clamorosi cold case del Paese, l’omicidio del sindaco di Pollica avvenuto nel settembre 2010, che attende ancora una verità e un colpevole. Se ne discuterà con chi negli ultimi anni ha lavorato su questo caso: gli autori e giornalisti de ‘Le Iene’ Giulio Golia e Francesca Di Stefano, il giornalista Vincenzo Iurillo, l’avvocato della famiglia Vassallo Antonio Ingroia. La serata sarà moderata dalla giornalista Fabiana Pacella, vincitrice del premio Daphne Caruana Galizia 2020.

Il 19 giugno ritorna un gradito ospite della rassegna, il magistrato anticamorra Catello Maresca, stavolta in qualità di autore di ‘La banalità della mafia’ (Fabbri), volume divulgativo e di analisi del fenomeno mafioso. Maresca sarà intervista dal giornalista Ottavio Lucarelli.

Il 26 giugno serata dedicata a Giancarlo Siani, il coraggioso cronista de ‘Il Mattino’ ucciso dalla camorra per aver condotto inchieste sul malaffare politico-camorristico a Torre Annunziata. Un ragazzo che amava il giornalismo e che rappresenta tuttora un esempio per chi si approccia a questo lavoro. A ricordarlo ci saranno il fratello Paolo Siani, il regista di Fortapasc (il film su Siani) Marco Risi, l’ex procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, l’attore Gianfelice Imparato, il giornalista de Il Mattino Pietro Perone, Geppino Fiorenza di Libera, la professoressa Nora Rizzi, il cui istituto di Gragnano fu il primo ad essere intitolato a Siani, Carmela Sermino della Fondazione Veropalumbo e Vincenzo Cuomo, sindaco del Comune di Portici. Moderatore il giornalista Antonino Siniscalchi.

Il 3 luglio ci sarà il fondatore del Fatto quotidiano, Antonio Padellaro, con il suo ultimo libro ‘Confessioni di un ex elettore’ (Paper First), un’analisi sulle ragioni dello straordinario astensionismo (il 44%) registrato alle ultime elezioni, tra le cause che hanno determinato il successo della destra. Se ne discuterà con uno dei protagonisti di questa tornata elettorale, il presidente del M5s Giuseppe Conte. Interviste di Vincenzo Iurillo.

Il 10 luglio Andrea Sceresini sarà intervistato da Mourad Rouighi, giornalista della stampa estera, sul suo libro ‘Ucraina – La guerra che non c’era’ (Baldini-Castoldi), libro che analizza il conflitto ucraino partendo dai fatti del 2014. Modera Max Civili.

Il 17 luglio l’ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris racconta se stesso, le sue inchieste da pm a Catanzaro e la sua decisione di entrare in politica dopo essere stato fermato nel suo lavoro di magistrato, nel libro ‘Fuori dal Sistema’ (Piemme).  Tra gli ospiti gli avvocati Domenico Ciruzzi e Vincenzo Maiello. Modera il giornalista de ‘Il Mattino’ Leandro Del Gaudio.

Il 24 luglio una interessante inchiesta della Iena Max Andreetta sul food e sulle teorie più strampalate nel mondo dell’alimentazione del giornalismo televisivo, nel libro ‘Diete e Bugie’ (Paper First). Ospite il conduttore Alessandro Cecchi Paone, moderati dalla giornalista Giorgia Messa.

Il 31 luglio il sociologo Isaia Sales ci racconta il suo libro “Storia delle camorre” (Rubettino), spiegandoci come e perché la camorra napoletana è la prima mafia urbana nata nell’Occidente. Modera la serata lo scrittore Francesco Pinto.

Il 7 agosto tocca a ‘Una storia italiana’ (Chiarelettere), libro che ripercorre ordinatamente, accanto alle vicende note, quelle sconosciute, dimenticate, sottovalutate, e talvolta oscure, che hanno visto protagonista Silvio Berlusconi. Sarà presente l’autore, Gianni Barbacetto. Dibattito moderato dalla giornalista Giovanna Di Giorgio.

Lunedì 21 agosto si prosegue con «Hanno fermato il capitano Ultimo», la storia dell’ufficiale dei carabinieri che ha arrestato Totò Riina e che ha indagato sui palazzi del potere sino a quando quel potere non si è vendicato. La vicenda verrà raccontata dalla viva voce del protagonista, Sergio De Caprio ‘Ultimo’, ospite all’evento insieme al giornalista Vincenzo Iurillo. Modera la giornalista Luciana Esposito.

Il 28 agosto toccherà ad Alessandro Di Battista, autore di ‘Ostinati e Contrari’ (Paper First), raccolta di interviste ‘fuori dal pensiero unico’. Di Battista sarà intervistato dalla giornalista Ertilia Giordano.

Si chiude il 4 settembre con ‘Napolinegra’ (Iod), il libro del giornalista di cronaca giudiziaria e due volte vincitore del Premio Giancarlo Siani, Vincenzo Sbrizzi che racconta la storia di venticinque migranti venuti dal mare. Ospite d’eccezione, il sindaco del ‘modello Riace’ sull’immigrazione, Mimmo Lucano. Modera il giornalista del Fatto quotidiano Lucio Musolino.

E potrebbero esserci ulteriori ospiti e ulteriori sorprese. Il Festival Internazionale del Giornalismo e del Libro d’inchiesta è una rassegna autoprodotta dall’Hotel Gocce di Capri. La partecipazione è libera e gratuita, con prenotazione consigliata. Tutti gli appuntamenti si terranno alle ore 20.30 e saranno trasmessi in streaming sui canali social dell’Hotel Gocce di Capri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna il “Festival Internazionale del Giornalismo e del Libro d’inchiesta”
NapoliToday è in caricamento