Cultura

Sapete perché si dice “Fà comm’'e turrunare”?

L’espressione napoletana viene usata contro gli inguaribili scrocconi, gli incalliti presidenzialisti che son soliti presenziare, anche quando non invitati, a feste o ricorrenze domestiche

Perchè si dice “Fà comm’è turrunare”? A spiegarcelo è il libro “Come se penza a NNapule. 2500 modi di dire napoletani", commentati da Raffaele Bracale e a cura di Amedeo Colella.

Letteralmente significa “fare come i venditori di torroni”. Locuzione ironica usata contro gli inguaribili scrocconi, contro gli incalliti presenzialisti che son soliti arrivare, anche quando non invitati, nei luoghi in cui si celebrano feste o ricorrenze domestiche comportanti il piú delle volte distribuzione, spesso grande, di cibi e bevande. La locuzione è altresí riferita a tutti coloro che abbiano l’abitudine di presentarsi, senza preventivamente annunciarsi, addirittura tra i primi in casa di amici e/o semplici conoscenti all’orario del desinare nell’intento di scroccare un invito alla tavola imbandita.Tutti costoro sono oltretutto gli stessi che lasciano per ultimi le case dove hanno onorato il desco scroccando a sbafo pasti e/o rinfreschi. Di tali sbafatori presenzialisti s’usa dire che facciano come i venditori di torroni che sono tra i primi ad invadere con le loro mercanzie piazze e strade dove si svolgono feste popolari per accaparrarsi tra i primi gli avventori e sono tra gli ultimi a lasciar piazze e strade al termine della festa, quando hanno lucrato abbastanza dopo avere esaurite le leccornie poste in vendita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sapete perché si dice “Fà comm’'e turrunare”?

NapoliToday è in caricamento