Cultura

Istituto Marie Curie di Napoli, la didattica continua con videolezioni interattive a distanza

Grazie al progetto “Campus CAME” gli studenti potranno continuare la loro formazione con un sistema di videoconferenza interattivo messo a disposizione dall’azienda CAME

Un contributo alla didattica a distanza per le scuole d’Italia chiuse a causa dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus, arriva da Campus CAME, progetto formativo dell’azienda trevigiana leader nella fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l’automazione di ambienti residenziali, pubblici e urbani. A beneficiarne, tra i primi, sono gli studenti dell’Istituto Tecnico Tecnologico “J.F. Kennedy” di Pordenone, dell’Istituto Tecnico Tecnologico Alessandro Volta di Perugia e dell’Istituto Tecnico Industriale Marie Curie di Napoli.

Gli alunni delle classi terze e quarte potranno proseguire le lezioni tenute da un team di formatori tecnici dell’azienda, tramite un sistema di videoconferenza interattivo direttamente dalla propria abitazione.

Campus CAME è il progetto di formazione ideato da CAME nel 2014 e rivolto a tutti gli studenti degli Istituti Tecnici Superiori italiani. L’obiettivo è quello di diffondere la cultura dell’automazione e della domotica, formando gli installatori di domani sulle tante innovazioni tecnologiche in corso. Nei 25 istituti che al momento aderiscono al progetto, CAME insegna ai ragazzi le novità dal mondo dell’automazione e dell’home automation, offrendo materiale didattico e sottoponendo gli allievi a un test di valutazione finale. I migliori proseguono il percorso formativo con uno stage in una delle sedi CAME e poi presso un installatore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituto Marie Curie di Napoli, la didattica continua con videolezioni interattive a distanza

NapoliToday è in caricamento