Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cultura

Chiusura Libreria Fiorentino CLAAI: "No ad altre friggitorie"

Dopo quasi 100 anni di attività addio alla storica libreria

“McDonald’s non è né artistico né tradizionale e non fa neppure parte del patrimonio culturale della città. La libreria della nipote di Benedetto Croce e marchi come Scaturchio nel cuore del centro storico, invece sì. Così si salva l’identità culturale ed economica di un territorio”. Lo dice in una nota la Claai, associazione dell’artigianato e della piccola e media impresa della Campania.

“Quanto sta accadendo alla libreria Fiorentino in calata Trinità Maggiore è l’ennesima dimostrazione della mancanza di una politica culturale che tuteli le attività storiche in città. Dopo Pironti un’altra realtà libraria che ha quasi un secolo di vita – essendo nata nel 1936 – rischia di scomparire per sempre e noi non dobbiamo né possiamo permetterlo”, prosegue la nota. “Il ragionamento si deve necessariamente estendere a tutte le poche ma storiche attività artigianali ed artistiche che sono nella filiera (rilegatori,tipografi) e nella zona – si legge ancora – pertanto dovrebbe essere compito del Comune tutelarle con provvedimenti che reggano anzitutto al vaglio della giustizia amministrativa e in secondo luogo tengano conto sia della storicità che della natura artistica di queste attività. L’ennesima paninoteca o friggitoria nel centro antico annienterebbe la cultura di Napoli, di cui luoghi come Fiorentino sono simboli”.

Storica libreria

Fondata da Fausto Fiorentino nel 1936, e quindi gestita fino a oggi dai suoi eredi, ha visto col passare del tempo ampliarsi la sua collezione di libri antichi e introvabili, nonché edizioni pregiate ed esclusive. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura Libreria Fiorentino CLAAI: "No ad altre friggitorie"
NapoliToday è in caricamento