Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "Teschio con le orecchie", ponte tra il mondo dei vivi e l'aldilà

 

Santa Luciella è uno dei tanti tesori nascosti e abbandonati del centro storico di Napoli. Chiesa medioevale fondata dai pipernieri, che la dedicarono poi a Santa Lucia per chiedere protezione per i loro occhi dalle schegge di piperno. 

Nella chiesa sotterranea, l'associazione Respiriamo Arte ha trovato decine di teschi. Tra questi, un caso unico al mondo: il teschio con le orecchie. La spiegazione delle protuberanze che presenta il teschio è nella calcificazione di tessuto cartilagineo. Ma nella storia napoletana, il teschio con le orecchie risulta venerato con devozione dal popolo perché secondo la leggenda, le orecchie gli permetterebbero di essere un tramite tra il modno dei vivi e l'aldilà. 

Repiriamo Arte, composta da giovani professionisti tra architetti e storici dell'arte, sta lavorando per metterla in sicurezza e riaprirla al pubblico. Dopo aver reso stabili facciata e campanile, il prossimo passaggio sarà mettere fine alle infiltrazioni che stanno danneggiando maioliche, altari e dipinti. Santa Luciella è stata abbandonata da 30 anni e per riportarla ad antichi splendori servirannno tanto lavoro e risorse economiche. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento