menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Chiara Di Martino

Foto di Chiara Di Martino

Santa Teresa a Chiaia, nata a due passi dalla spiaggia

La chiesa di via Vittoria Colonna, eretta e poi demolita nel giro di pochi anni, fu ricostruita grazie alle donazioni dei napoletani

È preceduta da una maestosa scala a doppia rampa, un tempo ancora più lunga di come appare oggi. La chiesa di Santa Teresa a Chiaia, in via Vittoria Colonna sul lato opposto rispetto a Palazzo Scarpetta, fu fondata nel 1620 grazie al lascito del nobile Rutilio Collasino; pochi decenni dopo venne demolita e ricostruita grazie alle donazioni di napoletani, tra cui la nobildonna Isabella Mastrogiudice e e i vicerè Oñate e Bragamonte; il progetto di ricostruzione venne affidato a Cosimo Fanzago ma nuovi danni causati dal terremoto, solo pochi anni dopo, costrinsero a un nuovo rimaneggiamento.

Lo stesso accadde un secolo più tardi, quando fu trasformata l’originaria facciata del Fanzago in piperno e muratura, con la scala a doppia rampa coperta da una decorazione a stucco. La rampa attuale è stata rimaneggiata (e resa più corta) alla fine del secolo scorso, quando il tracciato di via dei Mille troncò il primitivo scalone. La chiesa, rialzata rispetto al livello stradale, originariamente si chiamava Santa Teresa Plaggie: un tempo, infatti, il punto in cui si trova era molto più vicino alla spiaggia e al mare di quanto non lo sia oggi, ed inoltre era annessa a un piccolo monastero di suore Teresiane Scalze.

Il portale è completamente in bronzo ed è affiancato da due nicchie con all'interno delle statue e sormontate da medaglioni. La facciata possiede una ricca decorazione in stucco ed è su tre livelli: nel secondo e nel terzo sono presenti snelli pinnacoli che raffigurano lo sviluppo verticale dell'edificio di culto. L'interno è a croce greca e sull'altare è collocata la statua di Santa Teresa, che fu realizzata dallo stesso Fanzago. All’interno, numerose opere di Luca Giordano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento