menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Caso Soffiantini, Claudio Clemente ed il Questore De Iesu (Foto De Cristofaro-NapoliToday)

Caso Soffiantini, Claudio Clemente ed il Questore De Iesu (Foto De Cristofaro-NapoliToday)

Sequestro Soffiantini, Claudio Clemente ripercorre la notte di Riofreddo e l'iter processuale

Per anni la magistratura ha seguito infatti la pista del fuoco amico, rivelatasi poi errata

Le drammatiche vicende del sequestro Soffiantini, culminate con la morte dell'ispettore Samuele Donatoni e la liberazione dell'imprenditore bresciano, da parte dei Nocs, dopo 237 mesi di prigionia, sono state al centro della presentazione del libro “La notte di Riofreddo. La vera storia sull’operazione Soffiantini”, di Claudio Clemente, Dirigente Superiore della Polizia di Stato in quiescenza.

L'ex comandante dei Nocs dal 1995 al 2003 e protagonista di numerose operazioni ad alto rischio per la liberazione di ostaggi e la cattura di latitanti, ha ripercorso tutte le vicende del blitz e del tormentato iter processuale, che ha ingiustamente indebolito l'immagine del nucleo operativo centrale di sicurezza, poi riabilitato grazie allo sviluppo delle indagini. Per anni la magistratura ha seguito infatti la pista del fuoco amico, rivelatasi poi errata.

Tante le autorità delle forze dell'ordine presenti presso l’Aula Vadalà del Reparto Mobile di Monte di Dio, su tutte il questore di Napoli, Antonio De Iesu. Ha moderato la presentazione Vincenzo Sbrizzi, giornalista di NapoliToday, con letture di Valentina Soria, giornalista di Canale 21.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Claudio Clemente, Dirigente Superiore della Polizia di Stato, è stato comandante del NOCS dal 1995 al 2003 e ha condotto numerose operazioni ad alto rischio per la liberazione di ostaggi e la cattura di pericolosi latitanti, ottenendo encomi e riconoscimenti, anche da parte di organismi di sicurezza internazionale (CIA, FBI, SECRET SERVICE), per l’impegno profuso nella lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Monte di Pietà in vendita, i cittadini: "No a ristoranti e matrimoni trash"

  • Cronaca

    “Chi ha ucciso Maurizio ha dato una coltellata all'intera città”

  • Cronaca

    “Cinque ore di attesa per essere vaccinati”: la denuncia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento