Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Blind Vision: un viaggio di luce per vedenti e non

 

Dal 7 dicembre all'8 gennaio 2018, Piazza dei Martiri accoglie il progetto fotografico-performativo Blind Vision di Annalaura di Luggo in un’edizione speciale. Il progetto è nato in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli ipovedenti di Napoli e l’Associazione Teatro Colosimo. Una grande cupola nera invita ad entrare, il buio accoglie i visitatori per qualche istante, poi inizia il viaggio: quindici light box raffiguranti iridi di persone cieche o ipovedenti pulsano nell’oscurità e si raccontano. Sono le voci di donne, uomini e ragazzi che hanno perso la vista, testimonianze di vita vera, frammenti di storie che rivelano al visitatore le difficoltà quotidiane di una vita al buio. Rabbia, paura, malinconia, ma anche una straordinaria voglia di vivere. Si viene catapultati in un viaggio sensoriale ed emotivo, tra momenti di buio totale ed attimi di luce, silenzio e voci. La luce diventa metafora per "illuminare le menti" nei confronti di un mondo che sembra affiorare dall'oscurità. L’installazione multimediale, curata da Raisa Clavijo è seguita dalla proiezione del teaser del documentario diretto da Nanni Zedda che svela le immagini dei protagonisti. Scopo dell'artista e dell’installazione, volutamente in una piazza pubblica di grande affluenza, è infatti quello di esplorare le modalità di percezione del mondo dei non vedenti e, al contempo, sensibilizzare l'opinione pubblica verso una maggiore integrazione sociale e culturale di chi spesso viene emarginato e dimenticato.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento