Morte di Antonio Pennarella, Gianfranco Gallo: "Il Cinema italiano con te è stato fesso"

Toccante la lettera di Gianfranco Gallo, amico dell'attore noto al grande pubblico per i ruoli in Un Posto al Sole e La squadra. "Quante risate ci facevamo insieme. Non eravamo comodi per gli altri. Ti ho voluto bene"

(foto da facebook / Gianfranco Gallo e Antonio Pennarella)

Una morte che lascia addolorato l'intero mondo dello spettacolo e della cultura, quella di Antonio Pennarella, 58enne attore napoletano noto al grande pubblico per i ruoli in 'Un Posto al Sole', 'La squadra' e 'Il clan dei camorristi'. Pennarella aveva all'attivo circa 30 film al cinema, tra questi l'ottimo 'Perez' di De Angelis, 'La guerra di Mario' di Capuano, 'Giro di lune tra terra e mare' di Gaudino.  La morte di Pennarella ha gettato nello sconforto Gianfranco Gallo, che di Pennarella era grande amico e ottimo collega. Di seguito la lettera scritta dall'attore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ciao Antonio! Io e te ce ne siamo fatte di risate ogni volta che ci incontravamo su un set. E come ridevi quando, prima del ciak, ti facevo le imitazioni degli attori che erano lì, quando davano l'azione tu ridevi ancora e nessuno capiva il perchè. Io e te sempre "i cattivi" della storia come contrappasso per la nostra "Fessitudine". Diciamocelo ora, io te e non siamo stati mai così comodi per gli altri e allora "Quello è così" "quell'altro è così"...ma noi intano almeno eravamo. Roma : avevamo fatto tutti e due il provino per Gomorra e per lo stesso ruolo, eravamo rimasti in quattro , io ero salito in treno, tu eri entrato prima di me, mi volesti aspettare per tornare insieme a Napoli con la tua macchina. Parlammo e ci divertimmo come sempre, in quella vettura non c'era alcuna rivalità, c'era solo amicizia, sapevamo di essere molto diversi e che dunque si trattava solo di scelte che avrebbero fatto indipendentemente dalla bravura. Da allora mai uno screzio o un piccolo malumore, sempre e solo amicizia. Una cosa ti ho invidiato, la capacità di ridere sempre, anche quando le cose non ti andavano bene, io in quello da te avrei dovuto imparare e forse un po' l'ho fatto. Il Cinema italiano con te è stato fesso: avevi un volto unico che raccontava mille cose senza parlare, i registi si sarebbero risparmiati molto lavoro. Questo Tempo che mi sta togliendo amici e colleghi ancora giovani è più fesso del Cinema. Ciao, per me resterai "Tony Musante con la cazzimma". Ti ho voluto bene". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento