Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Angela Luce: "Napoli ha bisogno di mille cure, ma guai a chi me la tocca"

 

Entrare in casa di Angela Luce (al secolo Angela Savino) è come fare un salto all'indietro e ripercorrere poi, in pochi minuti, gli ultimi sessant'anni di storia e cultura italiana. La cantante e attrice partenopea ha attraversato questi decenni con grazia, affidandosi alle sue immense qualità artistiche, "senza padrini o mariti". Ha lavorato con i grandi della drammaturgia, del cinema, della canzone italiana. Ha saputo avvicinare - dote assai rara - cultura popolare e saperi intellettuali.

Ha lavorato con Pasolini (Decameron), con Visconti, ha esordito con i De Filippo, ma ha anche recitato nei musicarelli, nei film cult di Ciro Ippolito, con Mario Merola, nei grandi capolavori di Mattoli con Totò e Peppino, poi con Alberto Sordi nel delizioso "Il vedovo". E intanto incantava con la sua voce, e arrivava seconda a Sanremo - risultato discusso - con l'indimenticabile "Ipocrisia". 

Angela Luce e la battaglia con Wikipedia

A NapoliToday Angela Luce racconta i suoi aneddoti: dal bacio sui seni ricevuto da Totò ai 'pizzicotti' maliziosi di Alberto Sordi, dalle lusinghiere attenzioni di Pasolini e Visconti fino agli esilaranti confronti con Mario Merola. "Napoli è una città da difendere, e guai a chi me la tocca", dice. "Ma è una creatura che va rispettata e curata, ha bisogno di amore e affetto". Angela Luce è al lavoro per un nuovo progetto discografico con la Polosud. "Un disco a cui tengo tantissimo, e che sono lieta di annunciare a NapoliToday". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento