Al cinema Alessandra-Un grande amore e niente più, il musical inno ai colori e sapori del Sud

Distribuita in 15 sale la commedia musicale ispirata a Mamma Mia! e alla nota canzone di Peppino Di Capri. Protagonisti Sergio Muniz, Sara Zanier e la giovane promessa dei musical Eleonora Facchini

Il cast

Realizzare per il cinema un musical non è cosa frequente in Italia, eppure il regista campano Pasquale Falcone ci prova con Alessandra-Un grande amore e niente più, una commedia musicale colorata ambientata in un’isola immaginaria del Sud Italia che racconta tre storie d’amore e per farlo si affida alla nota canzone di Peppino Di Capri, rielaborata per il film dallo stesso autore che fa anche da special guest.

Alessandra- Un grande amore e niente più esce in giorni pieni di apprensione a causa dell’aumento della curva dei contagi e, come tante produzioni grandi o piccole che siano, tenta di resistere portando nelle sale quanti più spettatori possibili nonostante i protocolli e le restrizioni. Dopo il rinvio di marzo, si azzarda l’uscita mirando a una distribuzione limitata a 15 sale per poi puntare alla visione sulle piattaforme.

Produrre un film, distribuirlo in maniera indipendente in pochissime sale in piena emergenza e realizzare all’esordio un incasso di 875,00 € contro una media nazionale di € 69,00 è già una vittoria.
Devo ringraziare la mia città che ha partecipato in numero considerevole alla prima del film. Abbiamo già vinto!”
commenta il regista che ha voluto realizzare una commedia sentimentale allegra, ispirandosi a film noti del genere come Mamma Mia!

Un omaggio a Mamma Mia!

Per location e per incipit Alessandra-Un grande amore e niente più, porta subito alla mente il leggendario musical diventato ancora più famoso dopo l’adattamento cinematografico con Meryl Streep. Ma c’è di più. Per il suo film Falcone ha scelto Sergio Muniz ed Eleonora Facchini, due dei protagonisti della versione italiana dello spettacolo.

Insieme a Sara Zanier, la giovanissima Eleonora Facchini è la protagonista femminile della pellicola ed è stata scelta per interpretare Alessandra dopo essere stata vista in Mamma Mia!

Per la Facchini questo film segna il suo esordio al cinema anche se ha una storia teatrale di tutto rispetto prendendo parte agli allestimenti italiani di musical più celebri come West Side Story e Billy Elliot.

L’intervista a Eleonora Facchini

Un musical di questi tempi sembra fatto apposta invece è stato uno di quei film rinviato dal lockdown.

Secondo me questo è il momento giusto per vedere Alessandra al cinema. E’ un film che porta gioia per la sua spensieratezza e tutti ne abbiamo bisogno. E’ uno scacciapensieri a questi giorni così cupi. Alessandra porta il musical al cinema, un genere che con la pandemia in corso sarà sempre più difficile vedere in teatro. Questo, sicuramente, sarà un punto di forza. Merito anche di canzoni che portano avanti il film, Alessandra-Un grande amore e niente più ha qualcosa di diverso rispetto alle pellicole italiane che in genere vengono distribuite. E’ una novità che restituisce quell’allegria che ci sta mancando”.

Il film è ambientato nell'isola immaginaria di San Nicolas ma gli omaggi al nostro Sud ci sono tutti anche nelle coreografie. 

Assolutamente sì, principalmente nella coreografia della canzone Napoli Food Song (ndr nella scena sono appaiono dei noti food blogger accanto ad alcuni protagonisti dell’enogastronomia campana come Gino Sorbillo, Vincenzo Capuano e Marco Infante). E’ una canzone allegra che parla del cibo napoletano e lo fa anche in modo molto comico. Molte delle coreografie che portano avanti la storia richiamano il Sud”.

Fa pensare a Mamma mia!, una produzione alla quale sei molto legata visto che tu hai interpretato proprio Sophie nella versione italiana dello spettacolo. 

Esatto! Per il regista Pasquale Falcone, Mamma mia! è stata fonte di ispirazione per questo film senza mai cadere nell’imitazione. Ha creato una storia d’amore piena di originalità che si limita semplicemente a essere un omaggio”.

In teatro hai alle spalle già ruoli significativi in musical importanti, ma al cinema è un esordio. Vorresti continuare anche al cinema seguendo su questa strada o ti piacerebbe misurarti anche con altro visto che da noi film così sono rari? 

E’ vero! Fin da piccola il teatro è stata la mia più grande passione e non avevo mai considerato l’idea di fare cinema. Mi sono concentrata sempre e solo sul teatro fino a quando Falcone non mi ha vista in teatro proprio in Mamma Mia! proponendomi il ruolo di Alessandra. Non immaginavo che mi sarebbe piaciuto così tanto stare davanti alla cinepresa. Mi sono totalmente innamorata di questo altro aspetto del mio lavoro. Vorrei continuare in questa direzione provando anche a fare altro nel cinema”.

Di questo debutto cinematografico quale sarà il ricordo più intenso che ti porterai dietro? 

Sicuramente la prima al Festival del Cinema di Venezia del 2019 dove abbiamo presentato il teaser del film. E’ stata un’emozione unica e mai avrei immaginato di trovarmi lì. Però, il ricordo che porterò sempre nel cuore è il primo giorno sul set. Mi sentivo spaesata, non avevo idea di cosa dovessi fare. Ero spaventata ma ho trovato un gruppo di professionisti, persone gentilissime che mi hanno sostenuto e aiutato. Questo ha contribuito far sparire le mie ansie e paure. Tutti i miei colleghi mi hanno davvero aiutata tanto”.

Quando è arrivato il lockdown tu avevi appena terminato la tournée di We Will Rock You con Anastacia. Nonostante buona parte dei teatri italiani stiano riprendendo, spettacoli come West side story e Mamma Mia! forse saranno quelli più penalizzati anche soltanto per modalità di allestimento.

Purtroppo sì! Quest’anno avremmo dovuto riprendere con MAMMA MIA! e siamo fermi. Sono spettacoli grandi che hanno costi maggiori e con le nuove direttive non rientrano nelle spese. Adesso si stanno iniziando a muovere produzioni piccoline. Dalla settimana prossima dovrei cominciare un musical per bambini al Teatro della Luna di Milano. Speriamo di continuare così e pian piano di riprendere”.

Dopo la promozione di Alessandra quali saranno i tuoi progetti? 

Uno dei miei sogni nel cassetto è poter aprire una scuola per bambini di musical insegnandogli danza, canto e recitazione. Per poterlo fare dovrò ancora di più impegnarmi, infatti approfitterò di questo periodo in cui ancora tutto è incerto per continuare a studiare per prendere un diploma come insegnante di canto. Nel frattempo cercherò di fare dei provini cinematografici. Anche inserirsi nel cinema prevede molto studio e, nel mio caso, lo richiede ancora di più visto che per me è una dimensione totalmente nuova”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vietato uscire a Natale e a Capodanno fuori dal comune: "Non sarà possibile raggiungere i nonni"

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

  • Sindrome di Kawasaki (o simil Kawasaki): 5 i casi a Napoli

  • Le migliori dieci canzoni su Diego Armando Maradona: la classifica

  • Scossa di terremoto nella zona flegrea: l'evento sismico avvertito dalla popolazione

  • Coronavirus, arriva l'annuncio: "La Campania è zona arancione"

Torna su
NapoliToday è in caricamento