Cultura

Al via la prima edizione di IAR, una call internazionale per artisti che si esprimono con la videoarte

Il progetto, ideato da Francesco Ciotola e Raffaele Loffredo, ha il fine di raccogliere riflessioni artistiche sulle trasformazioni urbane per rendere visibile l'importanza dello spazio pubblico e contribuire ad aumentare la qualità di vita nelle città

Lo Stato dell'Arte

IAR, International Artist Residency, è un progetto ideato e curato da Francesco Ciotola e Raffaele Loffredo. Una call internazionale per artisti, invitati ad esprimersi attraverso il linguaggio della videoarte. Per la prima edizione, IAR prevede di lavorare sulla tematica delle "dinamiche contemporanee di trasformazione urbana”. Gli artisti partecipanti alla call dovranno inviare un lavoro inerente alla tematica che sarà valutato da un comitato scientifico composto da professionisti appartenenti al mondo della cultura e delle arti visive.

Il Progetto

Per la prima edizione, IAR prevede di lavorare sulla tematica delle “dinamiche contemporanee di trasformazione urbana”. Gli artisti partecipanti alla call dovranno inviare un lavoro inerente alla tematica. Le opere selezionate parteciperanno alla mostra collettiva presso la storica location di Palazzo Fondi e saranno pubblicate all'interno di una virtual gallery sul sito web di IAR. Il comitato scientifico selezionerà anche un vincitore che sarà premiato con una residenza d'arte di quattro giorni presso Gradoni Chiaia Contemporary Art & Bed, avrà la possibilità di? utilizzare Lo Stato dell'Arte come studio temporaneo in loco e riceverà un ricordo d'artista dedicato all'evento in occasione dell'inaugurazione della mostra, a Napoli. Durante il soggiorno, il vincitore lavorerà a un breve videoracconto sull'esperienza dell'artista in residenza da terminare sulla via del ritorno, che sarà visibile sul sito web IAR.

Modalità di partecipazione

La partecipazione al progetto è aperta ad Artisti di ogni nazionalità operanti in Italia ed all’Estero, ed è gratuita. Gli Artisti che vogliano aderire al progetto sono invitati a partecipare presentando un'opera di videoarte relativa alla tematica "dinamiche contemporanee di trasformazione urbana". Un'opera figlia del rapporto con la dimensione del territorio, che di essa parli in modo reale o immaginario. In aggiunta all'invio dell'opera dovranno inoltrare Artist Statement aggiornato. Non è prevista alcuna quota di iscrizione né di partecipazione a spese di segreteria. La e-mail per l'invio delle immagini è: iar.residency@gmail.com Il formato di invio dei files dovrà essere in mp4, in full HD della durata massima di due minuti. L’intestazione deve essere: IAR International Artists Residency (le e.mail con altra intestazione potranno non essere visualizzate). Si prega di firmare la mail con i propri dati personali, nome cognome e contatto telefonico. La data ultima di presentazione dei lavori è stabilita per DOMENICA 18 OTTOBRE 2020 ALLE ORE 24.00.

Selezione

Al fine di garantire l'alta qualità delle opere sarà effettuata una selezione da parte del comitato scientifico composto da professionisti appartenenti al mondo della cultura e delle arti visive:

  • Salvino Campos - Artista
  • Santiago Caprio - Architetto, Progettista Urbano
  • Mariela Castro - Psicologa, Sociologa, Direttrice del CENESEX
  • Francesco Ciotola - Artista, Storico dell'Arte, Curatore
  • Azzurra Immediato - Storica, Critica d'Arte e Curatrice indipendente
  • Lamosa Lab. - Spazio d'Arte, organizzatore del Festival Internacional de Videoarte 1 Minuto
  • Raffaele Loffredo - Curatore, Storico dell'Arte e Critico
  • David Alberto Murolo - Esperto di gestione del patrimonio culturale, produttore di contenuti digitali e audiovisivi
  • Amelia Rojo - Consulente di immagine pubblica, specialista in comunicazione, moda e marketing sostenibile
  • Paolo Titolo - Artista?

Diritti sull'utilizzo delle immagini

Partecipando alla call si accetta di concedere all'organizzazione i diritti di utilizzo delle immagini esclusivamente per scopi pubblicitari e divulgativi relativi all'evento ed all'attività dell'organizzazione, durante l'anno in corso e per gli anni a venire. Gli autori inoltre sono gli unici responsabili per eventuali violazioni dei diritti di terzi (in particolare dei diritti d'autore o in caso di immagini lesive o diffamatorie) e dichiarano di essere in possesso dei diritti di duplicazione e di riproduzione delle immagini, di essere gli unici responsabili dei contenuti delle immagini stesse, sollevando l'organizzazione da qualsiasi rivendicazione di terzi a causa di un'eventuale violazione di tali diritti.

Fini del Progetto

Il progetto IAR, International Artists Residency, ha come fine quello di raccogliere riflessioni artistiche sulle trasformazioni urbane per rendere visibile l'importanza dello spazio pubblico e contribuire ad aumentare la qualità di vita nelle città, oltre a quello di creare un archivio visuale sui processi di Trasformazione Urbana. La mostra finale successiva alla selezione degli autori, che si terrà a Napoli, presso la sala Circolare di Palazzo Fondi in data da definire, nei giorni compresi tra il 20 Novembre e il 3 Dicembre 2020, vuole essere, difatti, uno spaccato sulla tematica, analizzato attraverso il mezzo videoarte.

I luoghi

  • Lo Stato dell'Arte è uno Spazio concepito per essere vettore di Arte e Cultura attraverso il confronto critico tra le persone.
  • ?Gradoni Chiaia Contemporary Art&Bed é una Home Gallery che ospita opere di artisti italiani e internazionali destinata a progetti di curatela, residenze d'artista e scambi interculturali.
  • Palazzo Fondi è un progetto speciale di valorizzazione immobiliare temporanea dell'agenzia del Demanio, coordinato e sviluppato dalla agenzia Urban Value by Ninetynine.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via la prima edizione di IAR, una call internazionale per artisti che si esprimono con la videoarte

NapoliToday è in caricamento