rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cultura

Perché si dice “Addò arrivammo, la mettimmo ‘o spruoccolo”?

Il detto può essere inteso sia in senso ironico che in senso rassicurante. Il libro “Come se penza a NNapule. 2500 modi di dire napoletani” ci spiega quando si ricorre al suo utilizzo

Perchè si dice “Addò arrivammo, la mettimmo ‘o spruoccolo”? A spiegarcelo è il libro “Come se penza a NNapule. 2500 modi di dire napoletani", commentati da Raffaele Bracale e a cura di Amedeo Colella.

Va subito spiegato che lo “spruoccolo” è un bastoncino di legno, o anche un rametto secco, che in questo detto napoletano viene inteso come segno per ricordare il punto in cui ci si è fermati. Letteralmente significa “Dove giungiamo là poniamo uno stecco”. La locuzione è usata sia a mò di divertito commento di un’azione iniziata e non compiuta del tutto, sia per rassicurare qualcuno timoroso dell’intraprendere un quid ritenuto troppo gravoso da conseguirsi in tempi brevi; ebbene in tal caso gli si potrebbe dire: “non temere: non dobbiamo fare tutto in un’unica soluzione; noi cominciamo l’opera e la proseguiamo fino al momento che le forze ci sorreggono; giunti a quel punto, vi poniamo un metaforico stecco, segno da cui riprendere l’operazione per portarla successivamente a compimento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché si dice “Addò arrivammo, la mettimmo ‘o spruoccolo”?

NapoliToday è in caricamento