menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torta Caprese: storia e ricetta del dolce napoletano

Secondi alcuni sarebbe la versione campana della sacher austriaca, secondo altri la sua nascita sarebbe legata al boss di Chicago Al Capone

Come si può intuire anche dal nome, è una torta tipica sull'isola di Capri a base di cioccolato e mandorle. Sull'origine della ricetta ci sono numerose leggende. Una di queste narra che il dolce sia la versione campana della sacher austriaca. Si racconta che la regina di Napoli, Maria Carolina d’Asburgo, moglie di Ferdinando IV, cosiddetto Re Nasone, aveva così tanta nostalgia del suo caro dolce viennese, che chiese ai Monsieur di realizzarla. Per accontentare la Regina, i cuochi francesi, non conoscendo bene la ricetta della sacher viennese, realizzarono il dolce commettendo un errore: sostituirono la farina di grano con la farina di mandorla, così nacque la torta caprese che oggi conosciamo. Un’altra leggenda è, invece, legata al famoso pasticcere dell’isola di Capri negli anni ’20, Carmine di Fiore. In quel periodo si recò a Napoli il mafioso statunitense Al Capone per rinsaldare degli accordi con la camorra newyorkese. Ma oltre agli affari, il boss di Chicago volle anche provare la famosa Torta Caprese di cui tanto aveva sentito parlare. Così mandò due dei suoi scagnozzi a Capri per chiedere al pasticciere di realizzare per lui il rinomato dolce. Di Fiore rimase impressionato dagli atteggiamenti spacconi di questi malavitosi, si fece prendere dall’agitazione e sbagliò gli ingredienti dell’impasto: invece della farina di grano utilizzò la farina di mandorle. Così, dalla fusione del cacao e della farina di mandarle nacque, per errore, questa fantastica torta, che tanto piacque ad Al Capone e ai suoi scagnozzi. Di seguito vi proponiamo la ricetta originale con tutti i passaggi per realizzare in casa la vostra Torta Caprese.

Ingredienti:

  • 125 g di burro
  • 125 g di zucchero semolato
  • 125 g di mandorle pelate
  • 2 uova
  • 40 gr di cioccolato fondente
  • 65 g di cacao amaro
  • 1 fialetta di aroma di mandorla
  • 1 pizzico di sale
  • farina e burro per lo stampo
  • zucchero a velo

Preparazione: 

Separate i tuorli dagli albumi e montateli con 100 g di zucchero, burro morbido e l’aroma di mandorla. Uniteli poi al cioccolato che avete fatto sciogliere a bagnomaria, con il cacao, le mandorle tritate e il sale. Montate a parte gli albumi a neve con il restante zucchero e uniteli al precedente composto in modo da formare un’unica mousse omogenea. Imburrate e infarinate uno stampo circolare e adagiateci il composto. Cuocere in forno preriscaldato a 170°C per 30 minuti. Prima di servire spolverate il dolce con uno strato di zucchero a velo.

Fonte della ricetta: “La cucina napoletana” di Eduardo Estatico e Gerardo Gagliardi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

social

Lotto, estrazione di lunedì 3 maggio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento