Cucina

Cucina e inclusione, i premiati della terza edizione di Semplicemente Chef

3 squadre, 24 giovani aspiranti chef ed operatori di sala con disabilità e una sfida ai fornelli. Otto vincitori che a settembre inizieranno dei tirocini formativi presso aziende del settore della ristorazione napoletana

Semplicemente Chef

Si è conclusa, a suon di mestoli, tegami e padelle, la sfida ai fornelli della terza edizione di Semplicemente Chef, progetto de La Bottega dei Semplici Pensieri, Associazione di volontariato senza scopo di lucro che da anni è impegnata nello sviluppo di progetti mirati a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di ragazzi down e/o con lievi deficit intellettivi. 

La competizione culinaria, che si è svolta presso MedEATerranea, l'Accademia Enogastronomica di alta formazione integrata, sede accreditata della Regione Campania di Sire Academy presso la Mostra d’Oltremare di Napoli, arriva dopo un periodo di formazione partito lo scorso novembre in cui i ragazzi hanno avuto modo di affinare le proprie competenze in cucina per poter affrontare la sfida ai fornelli e i conseguenti tirocini retribuiti messi in palio da aziende napoletane rinomate nel settore food & beverage. In gara, oltre alla squadra composta da alcuni dei ragazzi de La Bottega dei Semplici Pensieri (Quarto), anche l’associazione Si Può Dare Di Più Onlus (Napoli) e la partecipazione dei ragazzi dell’istituto I.P.S.E.O.A. "Tor Carbone". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questa terza edizione è stata particolarmente sofferta, sia nel momento della formazione, che nell’organizzazione del contest finale a causa delle problematiche dovute al Covid che hanno dilatato i tempi e creato non pochi ostacoli. Per questo siamo doppiamente soddisfatti alla metà di questo percorso che riprenderà a settembre con l’istituzionalizzazione dei tirocini retribuiti presso le aziende partner del progetto - dichiara a margine la Presidente dell’Associazione de La Bottega dei Semplici Pensieri, Mariolina Trapanese. “Siamo felicissimi di essere stati ospitati ancora una volta nelle aule dell’Accademia MedEATerranea, sotto la direzione dell’ing. Massimiliano Quintiliani suo Presidente, e della giuria formata da vecchi e nuovi amici sostenitori del progetto. Quest’anno abbiamo fortemente ricercato e ottenuto la partecipazione di nuove associazioni: questo vuol dire fare rete, obiettivo ancora difficile a Napoli. L’inclusione sociale e lavorativa per i nostri ragazzi assume un significato diverso se, insieme, agiamo in modo organico nel sistema - conclude la Presidente – e speriamo che sia soltanto l’inizio di un più lungo percorso da intraprendere insieme: siamo consapevoli che da soli non si va da nessuna parte”.

Componenti della giuria d’eccezione che ha decretato i vincitori del contest sono stati: Luca Trapanese, fondatore "A Ruota Libera Onlus", “Il Borgo Sociale” e "La Casa di Matteo", Marianna Vitale, di Sud Ristorante e Donna Chef 2020 per la Guida Michelin, da sempre al fianco delle attività dell’associazione, Daniele Pugliese (Casa Surace) e Egidio Cerrone (Puokemed), fondatore di Puok Burger Store, Vincenzo Borrelli, AD di Sire Ricevimenti.

Il premio per il Miglior Antipasto è stato assegnato a Vincenzo Bosso e Giovanni Cito (Si può dare di più onlus) con la Tartare di fassona con uova di quaglia; a vincere per la categoria Miglior Primo Piatto sono stati invece Eugenio Torrente, Lavinia Segnetti (I.P.S.E.O.A. "Tor Carbone") che hanno omaggiato Napoli con gli Gnocchi alla Sorrentina; il premio per Miglior Dolce è andato a Ida Mezzacapo e Marco Pugliese, con la Mini cake con glassa al vino e gelèe di clementine, de La Bottega dei Semplici Pensieri che ha vinto anche il premio per il Miglior Servizio di Sala grazie all’esperienza di Martina Frola e Ilaria Buonanno.

Il momento delle premiazioni ha, però, coinvolto tutti i partecipanti: Semplicemente Chef è sì una gara ma soprattutto un momento di gioia e condivisione. A gratificare i ragazzi ci ha pensato Casa Surace che ha portato in dono un sacchetto personalizzato contenente alcuni dei prodotti presenti nello Stasciupacco di Casa Surace e pacchi “Stasciupacco da Nonna” destinati alle tre associazioni dei ragazzi in gara. Cadeau per le squadre in gara sono stati offerti anche dalle aziende partner del progetto: Pasta Garofalo ha omaggiato i partecipanti con una fornitura di pasta e olio e Aeternum un set di pentole e padelle per proseguire con la pratica ai fornelli. 

I tirocini formativi, che inizieranno a settembre e avranno la durata di 1 anno, sono stati messi a disposizione da: Casa Infante, già sostenitrice delle attività de La Bottega dei Semplici Pensieri; Lazzarelle Bistrot, gestito dalla cooperativa Le Lazzarelle insieme alle detenute del carcere di Pozzuoli nella Galleria Principe di Napoli; l’Antica Fabbrica del cioccolato Gay-Odin e la Tenuta Melofioccolo, azienda agricola nel cuore di Posillipo a Napoli,  il premium bar e ristorante Archivio Storico; l’Azienda L’Abbondanza del Pane dal 1945, già occupata in attività di avviamento al lavoro in collaborazione con La Bottega e il Circolo Nautico Posillipo, impegnato da sempre in attività sociali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cucina e inclusione, i premiati della terza edizione di Semplicemente Chef

NapoliToday è in caricamento