Cucina

La ricetta napoletana della “Pasta ‘ncatusciata cu ‘e cavulisciure”

La pasta gratinata con il cavolfiore è una prelibatezza partenopea che unisce la genuinità di un ortaggio tanto amato dai napoletani alla bontà della pasta fatta gratinare nel forno

O cavulisciure (il cavolfiore) è un ortaggio molto amato dai napoletani. Non ha un odore molto gradevole, ma ha un ottimo sapore ed è ricco di proprietà nutrizionali: contiene proteine, sali minerali, vitamina C ed elementi antiossidanti e antibatterici. Diversi studi hanno, inoltre, dimostrato, che il suo consumo aiuterebbe a prevenire tumori e infiammazioni. Ha un potere depurativo, mineralizzante, e favorisce la rigenerazione dei tessuti. Grazie al suo basso contenuto di calorie (25 kcal/100 g) e al suo elevato potere saziante, è una pietanza ideale da inserire nelle diete dimagranti. Insomma è un ortaggio che non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole nella stagione invernale. Sono tantissimi i modi in cui i napoletani cucinano questo ricco ortaggio. Oggi vi proponiamo non la classica pasta e cavolo, ma la sua versione al forno: i napoletani la chiamano “A pasta ‘ncatusciata cu ‘e cavulisciure”. Vediamo qual è la ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di paccheri o rigatoni
  • 1 cavolfiore di media grandezza
  • 1 misurino di olio o 1 etto di burro
  • 100 gr di parmigiano
  • 1/4 di latte
  • 1 spicchio di aglio
  • sale
  • pepe
  • prezzemolo
  • pangrattato

Procedimento:

In una pentola con acqua salata scaldate i cavolfiori precedentemente lavati e spezzati. A metà cottura alzateli con una schiumarola e mettete da parte l’acqua dove farete cuocere la pasta. Soffriggete i cavolfiori con olio e aglio, avendo cura di togliere l’aglio quando si è rosolato. Con una forchetta schiacciate i cavolfiori e aggiungete il latte, il pepe, e fate bollire il tutto fino a quando il composto sia diventato quasi una crema. Aggiungete il prezzemolo tritato, e levate dal fuoco. Intanto la pasta sarà cotta, scolatela e unitela alla crema di cavolfiore in una teglia. Aggiungete il parmigiano, qualche fiocchetto di gradina e due manciate di pangrattato. Lasciatela gratinare nel forno per 15 minuti. Sfornate e impiattate.. Buon appetito!

Fonte della ricetta: “Frijenno magnanno. Le mille e una… ricetta”, raccolta di ricette tipiche campane presentata da Luciano De Crescenzo, da un’idea di Gianni de Bury, editore Franco Di Mauro

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La ricetta napoletana della “Pasta ‘ncatusciata cu ‘e cavulisciure”

NapoliToday è in caricamento