La ricetta napoletana de “Le lagane e ceci”

Il piatto ha origini antichissime risalenti ai tempi dell'Antica Grecia, quando le lagane venivano cucinate su pietre roventi e poi unite ai ceci cotti a parte

Le lagane e ceci è un piatto partenopeo ricco di importanti proprietà nutrizionali. I ceci (terzo legume più consumato al mondo) sono, infatti, molto ricchi di fibre e di acidi grassi omega 3, contribuiscono a controllare la pressione arteriosa e ad aumentare i valori del colesterolo buono riducendo quello cattivo. Contengono, inoltre, molti sali minerali, tra cui magnesio, calcio, fosforo, vitamina C e vitamina B. La ricetta ha origini antichissime risalenti ai tempi dei greci, quando venivano cucinate le lagane su pietre roventi e poi unite ai ceci cotti a parte. Oggi, invece, la cucina napoletana vuole che la pasta sia cotta direttamente nei legumi per creare un piatto finale cremoso e denso (“azzeccato” in napoletano). Per la buona riuscita del piatto è fondamentale utilizzare ceci di alta qualità: quelli che si sposano meglio con le lagane sono senza dubbio quelli prodotti a Cicerale, un piccolo comune in provincia di Salerno. Sono ideali per preparare minestre e farine grazie alle piccole dimensioni, alla forma rotonda e al sapore intenso. Per chi volesse preparare in casa questo antico piatto della tradizione culinaria partenopea, proponiamo la sua ricetta tradizionale.

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di pagane 
  • 500 g di ceci secchi
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 peperoncino
  • 1 cotenna di prosciutto
  • 1 rametto di rosmarino
  • un pizzico di bicarbonato di sodio
  • olio extravergine di oliva
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • sale
  • pepe

Procedimento:

La sera prima mettete in ammollo i ceci con un pizzico di bicarbonato. Prima di iniziare la preparazione sciacquate i ceci dall’acqua in ammollo, adagiateli in una pentola capiente e copriteli con l’acqua in quantità doppia rispetto al peso dei ceci. Cucinate a fuoco moderato per 2 ore. Aggiungete il sale e il rosmarino e continuate la cottura per un’ora. Preparate in un’altra pentola un soffritto di olio, aglio e cotenna, e, appena imbiondito, aggiungete i ceci con tutta l’acqua residua. Lasciate insaporire per 20 minuti a fuoco molto basso, aggiustate di sale e pepe. Calate la pasta nel soffritto, aggiungendo un pò di acqua se necessario, girandola di tanto in tanto fino a ultimare la cottura al dente. Aggiungete una manciata di prezzemolo fresco e una manciata di pepe nero, se è il caso aggiustate di sale. Prima di servire, irrorate con olio extravergine di oliva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte della ricetta: “La cucina napoletana” di Eduardo Estatico e Gerardo Gagliardi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento