Cucina

Calamarata napoletana: la ricetta tradizionale e delle sue varianti

Il curioso nome fa riferimento sia al tipo di pesce, protagonista del piatto, che al tipo di pasta utilizzato: i paccheri ricordano, infatti, la forma dei calamari tagliati ad anelli

La Calamarata è la regina indiscussa delle tavole napoletane in estate. Un piatto della tradizione culinaria partenopea a base di pomodorini, calamari, aglio, prezzemolo e paccheri. Un primo piatto dal gusto unico. Il curioso nome fa riferimento sia al tipo di pesce, protagonista del piatto, che al tipo di pasta utilizzato: i paccheri (formato tipico della pasta di Gragnano) ricordano la forma dei calamari tagliati ad anelli. Quando il piatto viene servito, infatti, risulta difficile distinguere con lo sguardo il pesce dalla pasta. E’ un piatto tipicamente estivo, ma preparato anche, come vuole la tradizione, durante i pranzi e le cene nelle festività religiose (Natale, Capodanno e Pasqua). La ricetta tradizionale prevede l’utilizzo di pochi ingredienti: paccheri, calamari, pomodorini freschi, prezzemolo e aglio. Ma le varianti sono tante: tra queste ricordiamo la Calamarata con ragù di pesce spada e con i frutti di mare.

Ecco le tre ricette.

Calamarata tradizionale

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di pasta calamarata
  • 600 gr di calamari
  • 300 gr di pomodorini ciliegini
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 peperoncino fresco
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • prezzemolo
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Procedimento: Pulite i calamari eliminando gli occhi e l’osso, lavateli e tagliateli a rondelle delle stesse dimensioni della pasta. Sciacquate i pomodori sotto l’acqua corrente e tagliateli a metà. In una padella versate un filo d’olio e lo spicchio d’aglio sbucciato. Unite i calamari e fate cuocere per 5 minuti. Sfumate con il vino bianco e aggiungete i pomodorini. Salate e preparate il sugo. Lasciate cuocere per almeno 20 minuti. Nel frattempo cuocete a parte la pasta. Scolatela quando è al dente e mettetela in padella con qualche cucchiaio di acqua di cottura. Lasciate cuocere il tutto per qualche minuto. Condite con un filo d’olio a crudo e una generosa manciata di prezzemolo. Fate saltare la Calamarata con i calamari un paio di minuti in padella, girando delicatamente la pasta in modo che si insaporisca nel sugo. Servite, quindi, la calamarata guarnendo i piatti con altro prezzemolo tritato.

calamarata-3

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calamarata napoletana: la ricetta tradizionale e delle sue varianti

NapoliToday è in caricamento