Cucina

Baccalà al latte: la ricetta napoletana

Il segreto per la riuscita del piatto è tenere il pesce in ammollo per il tempo giusto, circa 3 giorni  

Il baccalà al latte è una pietanza molto apprezzata al Nord come al Sud, in particolare a Napoli dove il baccalà è particolarmente amato. Sono, infatti, diverse le modalità in cui viene preparato questo pesce nella città partenopea: dal baccalà fritto - protagonista delle tavole natalizie e di fine anno - all'insalata, dal baccalà con il pomodorino a quello con le patate, o ancora, in pastella. La versione più comune del baccalà al latte è vicentina, ma ne esiste anche una napoletana. Una ricetta facile e veloce che piace tanto ai più piccoli per il suo gusto estremamente delicato. Prima di cucinarlo, vi ricordiamo che il baccalà deve essere dissalato e ammollato per evitare problemi di sapidità: l’operazione richiede circa 3 giorni. In alternativa potete procurarvelo già ammollato!

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gr di baccalà ammollato
  • farina
  • olio per friggere
  • cannella
  • prezzemolo
  • latte parzialmente scremato

Procedimento:

Tagliare il baccalà ammollato a tocchetti piccoli, infarinarli e dorarli in olio (meglio se di semi di arachidi). Preparare una pirofila unta, metterci i pezzi di baccalà e spolverizzarli lievemente di cannella e di prezzemolo tritato. Coprire di latte tiepido e mettere in forno finché il latte si sarà assorbito quasi del tutto.

Fonte della ricetta: “Frijenno magnanno. Le mille e una… ricetta”, raccolta di ricette tipiche campane presentata da Luciano De Crescenzo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baccalà al latte: la ricetta napoletana

NapoliToday è in caricamento