Cronaca Chiaia / Via Francesco Caracciolo

Ztl, "tutto funziona regolarmente". Ma la Riviera di Chiaia collassa

Sementa, comandante della polizia municipale: "Il test del primo giorno è stato del tutto positivo". Eppure non mancano i furbi che trovano il modo di aggirare il dispositivo

Riviera di Chiaia

È partita ieri mattina la nuova Ztl versione light che prevede lo stop dalle 8.30 alle 14 dal lunedì al venerdì. Per il fine settimana, invece i varchi restano aperti.

"Il test del primo giorno è stato del tutto positivo - spiega il generale Luigi Sementa, comandante della polizia municipale -. Le nuove disposizioni non hanno creato problemi e tutto ha funzionato regolarmente. Non abbiamo ricevuto segnalazioni di problemi quindi siamo abbastanza soddisfatti". Eppure non tutti la pensano così. A non essere soddisfatti del nuovo provvedimento sono i Verdi. "Le nuove modifiche alla Ztl - ha detto il capogruppo dei Verdi Ecologisti alla I Municipalità Diana Pezza Borrelli - dai primi dati che ci sono pervenuti sembrano proprio non funzionare. Ieri mattina al varco di piazza Sannazaro fuori dall'orario stabilito dall'ordinanza del sindaco circolavano davvero tutti. Solo verso le 10 il varco è stato posto sotto controllo dai vigili e dagli ausilari del traffico. Noi riteniamo che la migliore proposta in campo per far funzionare al meglio la Ztl del mare sia quella del consigliere Comunale Carmine Attanasio che ha realizzato un progetto che mette d'accordo tutti: residenti, commercianti e utenti. Se l'aministrazione non vorrà tenerla in considerazione siamo pronti a realizzare un referendum municipale per avere il consenso degli abitanti".

Cristina Zagaria del Corriere del Mezzogiorno dipinge una situazione non certo positiva. A soffrirne, la Riviera di Chiaia che ieri mattina è andata in tilt. In trappola anche bus e qualche taxi. Alle 14 i varchi si aprono. Ma alle 17.30 la Riviera si blocca di nuovo nel senso opposto, da piazza Municipio a Piedigrotta.

Insomma, la zona è collassata nei due orari di punta, quando i cittadini vanno al lavoro e al ritorno. Problemi per le code anche nella galleria Vittoria: le auto sono rimaste in fila almeno 20 minuti. Sempre più preoccupati ed arrabbiati i residenti della Riviera di Chiaia. "Tutte le macchine che prima percorrevano via Caracciolo e via Partenope nelle ore di lavoro ma soprattutto durante la movida, nel percorso est-ovest e viceversa ora si riversano lungo la Riviera, ridotta ad un'autostrada perennemente intasata", ha fatto sapere Liliana de Martino, del comitato Riviera. E poi c'è il problema delle polveri sottili. "Alla polvere e a rumori provenienti dai cantieri già dalle 6 del mattino ora si aggiungere smog, sirene, gas di scarico. È il prezzo da pagare per il sindaco per farsi fotografare in bici pensando di passare alla storia per aver liberato il lungomare dalle auto" incalzano i rappresentanti del comitato, che chiedono all'assessore alla Mobilità, Anna Donati, delle centraline per il rilevamento dell'inquinamento acustico ed atmosferico e "rendere pubblici ogni giorno sulla stampa i dati di un monitoraggio trasparente che alleggerisca le preoccupazioni sui possibili danni alla salute".

In tutto questo caos non mancano i furbi capaci di aggirare la Ztl. La falla più vistosa è Monte di Dio. Quando si arriva a piazza Municipio, si legge sempre sul Corriere del Mezzogiorno, invece di girare per via Acton si prosegue dritto, si arriva in piazza Trieste e Trento, via Gennaro Serra, Monte di Dio, vicoletti, fino ad arrivare alle rampe che aggirano piazza Plebiscito. Con un giro di circa 10 minuti, si è a Santa Lucia e all'interno della Ztl. Una strada che in molti usano per arrivare in via Chiatamone e quindi a Chiaia. In altre parole per bucare la Ztl. Seconda precisazione: se al mattino un'auto autorizzata entra nella Ztl dal varco di piazza Sannazaro e percorre viale Gramsci, la seconda traversa a destra, prima dell'ambasciata americana, è via Tommaso Campanella. All'ingresso della strada la segnaletica è coperta da una busta; dunque, se l'automobilista svolta, si ritrova al centro dell'isola pedonale di via Caracciolo tra passanti e ciclisti. E non c'è alcun segnale che avvisi del divieto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl, "tutto funziona regolarmente". Ma la Riviera di Chiaia collassa

NapoliToday è in caricamento