Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca San Ferdinando / Via Partenope

Maxi Ztl, oggi assemblea permanente e serrata dei ristoratori

Appuntamento in via Partenope. Fazzoletti bianchi sventolati in segno di resa, poi la consegna simbolica al sindaco delle chiavi dei locali. La protesta coinvolge anche Santa Lucia e il Borgo Marinari

Serrata dei ristoratori contro la Ztl

L'allarme lanciato nei giorni scorsi da commercianti e ristoratori di Chiaia sugli effetti della Ztl prolungata è ormai realtà. Lo stilista Sally Monetti è sttao ad esempio promotore di un'iniziativa che ha coinvolto commercianti e imprenditori di Chiaia e che ha portato a una raccolta di firme contro il prolungamento della Ztl, decisa da De Magistris. "Dopo le prime consultazioni, 135 titolari di negozi e locali della zona hanno detto che a breve saranno costretti a licenziare almeno un dipendente. Un numero che aumenterà se le cose resteranno allo stato attuale".

Il secondo passo: molte attività commerciali saranno costrette a chiudere. "Si tratta in molti casi di negozi che vanno considerati per la loro storia come patrimonio della città perché hanno esportato nel mondo il made in Naples".

Intanto questa mattina tocca ai ristoratori dire la loro. Appuntamento in via Partenope. Riuniti in assemblea permanente, prima sventoleranno fazzoletti bianchi in segno di resa e poi consegneranno simbolicamente al sindaco le chiavi dei loro locali. Una protesta che parte da Mergellina, attraversa tutto il lungomare, coinvolgendo anche Santa Lucia e il Borgo Marinari. L’obiettivo è non tenere aperto neppure un bar per l’intera giornata.

La Ztl, tra l'altro, colpisce anche gli studi professionali. La notizia viene da Roberto Marinelli, con Antonino Della Notte leader dell’autoproclamato Coordinamento delle attività produttive di Chiaia. "Gli affari vanno male già da un mese e mezzo in tutti i settori e non solo per il commercio: in viale Gramsci anche gli studi professionali sono in crisi. In tre, avvocati e commercialisti, traslocheranno in zone con fitti meno alti e dove i clienti possano raggiungerli. Stessa storia per le barche di Mergellina".

Il iono della verità sarà infine giovedì prossimo quando tutte le associazioni dei commercianti da via Toledo a Chiaia si riuniranno per decidere il da farsi. Sempre giovedì, l’atteso incontro dei commercianti con il sindaco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi Ztl, oggi assemblea permanente e serrata dei ristoratori

NapoliToday è in caricamento