Coronavirus, nuova ordinanza: test per chi torna dall'estero in Campania e mini zona rossa a S. Antonio Abate

La decisione del Presidente della Regione De Luca, sentita l'Unità di Crisi

(foto Ansa)

In relazione al numero elevato di contagi registrati in una struttura ricettiva di Sant’Antonio Abate, il Presidente della Regione Vincenzo De Luca, sentita l’Unità di Crisi, ha firmato nella tarda serata un’ordinanza per l'istituzione di una mini zona rossa. 

Nell'ordinanza, con decorrenza immediata, è disposta "fino al 25 agosto 2020, la chiusura delle strutture ricettive “La Sonrisa” e “Hotel Villa Palmentiello”, con obbligo di disinfezione e sanificazione di tutti i locali prima della riapertura".

Nell'ordinanza è previsto, inoltre, l'isolamento domiciliare, con divieto di allontanamento dalle abitazioni fino al 14 agosto per i residenti di via Croce di Gragnano. Disposta anche la chiusura dei varchi e accessi secondari alla strada. Ai residenti sarà garantita dal Comune di Sant'Antonio Abate l'assistenza e la somministrazione di derrate alimentari e generi di prima necessita'. Prevista anche l'esecuzione di test sierologici e tamponi sui cittadini del comune napoletano. Le stesse misure interessano le persone che hanno partecipato a feste o eventi in quelle strutture ricettive negli ultimi 14 giorni. 

Sempre nell'ordinanza è disposto anche l'obbligo per tutti i cittadini residenti in Campania che facciano rientro da vacanze all'estero, con tratte dirette o attraverso scali o soste intermedie nel territorio nazionale, a segnalarsi all'Asl per essere sottoposti a test sierologici e/o tamponi.

Le parole di De Luca

È indispensabile avere il massimo rigore e assumere decisioni immediate per spegnere da subito ogni focolaio di contagio. Occorre chiamare a rispondere anche sul piano penale quegli operatori che subordinano la vita delle persone ai propri affari, ignorando le regole di sicurezza. Registriamo intanto due fenomeni gravi: l’abbassamento forte dell’età dei contagiati; e il dilagare di contagi importati da altri Paesi, anche da parte di nostri connazionali. Rivolgo al Governo una richiesta precisa: si organizzi ad horas un piano specifico di controlli capillari che mobiliti in maniera massiccia e quotidiana tutte le forze dell’ordine, per garantire il rispetto delle norme anti Covid. È impensabile che si possa gestire con efficacia questa fase transitoria senza questi interventi. L’assenza di un tale piano, unito a comportamenti irresponsabili di singoli cittadini e operatori, è destinato a produrre una nuova esplosione del contagio. Ho detto ripetutamente e ripeto: in queste condizioni c’è il rischio di non arrivare neanche a settembre, con il nuovo anno scolastico alle porte”. E' quanto afferma il Governatore della Campania Vincenzo De Luca. 

L'ultimo bollettino

Sono 23 i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Campania. Questo è quanto emerge dal bollettino dell'Unità di Crisi regionale di martedì 11 agosto, sulla base dei dati aggiornati alle 23,59 di lunedì 10. 

1142 sono i tamponi analizzati nella giornata di ieri nelle varie strutture regionali.

Ci sono anche ben 18 nuovi casi di guarigione, mentre si registra anche un nuovo decesso. 

Il totale dei positivi in Campania dall'inizio della pandemia sale dunque a 5114 unità, a fronte di 351.505 test esaminati.

Il totale dei guariti raggiunge, invece, quota 4272.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimagrire velocemente: la dieta Kempner per perdere fino a 20 chili in un mese

  • Il rider rapinato è ancora senza lavoro: rifiutate due offerte

  • Campania zona gialla per cinque giorni: cosa si potrà fare e cosa no

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

  • Acqua, bicarbonato e limone: benefici e controindicazioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento