menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zona rossa anche a Natale e Capodanno (e nei prefestivi) in tutta Italia: il Governo ci sta pensando

Possibile stretta per evitare assembramenti come sta accadendo in questi giorni nelle principali città italiane. Parole dure di Vincenzo De Luca sulla possibilità di consentire spostamenti tra piccoli comuni

Altro che deroghe agli spostamenti, dopo le immagini provenienti dalle principali città italiane affollate nelle vie dello shopping, Campania compresa, il Governo starebbe pensando ad una ulteriore stretta a Natale, Santo Stefano, Capodanno e nei prefestivi. Tutta Italia infatti potrebbe diventare zona rossa o arancione, permettendo però un allentamento per i piccoli Comuni sotto i cinquemila abitanti, di spostamenti entro i 30 km. Sarà decisivo il parere del Cts nella riunione che vedrà presente anche i capidelegazione della maggioranza, il Cts e la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese.

Evitare contagi

"Sono ormai lunghi mesi che siamo tutti impegnati, con grandi e piccoli sacrifici, nella battaglia contro il Covid-19. La nostra comunità nazionale, pur tra mille difficoltà, è riuscita a mostrare un forte spirito di coesione e un grande senso di responsabilità. Sono convinto che continueremo a mostrare questa saldezza anche nelle prossime settimane, in occasione delle festività natalizie. Dobbiamo continuare a impegnarci e a mantenerci vigili per contrastare il contagio", scrive su Facebook il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

De Luca: "Vivendo il Natale avremo 10mila morti. No spostamenti tra piccoli comuni in Campania"

"Se il Governo decide di lasciare la mobilità per i comuni sotto i 5mila abitanti, a mio parere dobbiamo aprire a Palazzo Chigi una sezione di psichiatria democratica, perché davvero andiamo al disastro. I piccoli comuni sotto i 5mila abitanti in Italia sono il 70% dei comuni, 10 milioni di abitanti. Se apriamo la mobilità a 10 milioni di abitanti non ci sarà più nulla da fare, perché avremo una ripresa drammatica di contagio a gennaio. In Campania non apriremo la mobilità per i piccoli comuni, non apriamo la possibilità di andare nelle seconde case, ho sempre detto e ripeto che in Campania dobbiamo avere più rigore che in tutte le altre regioni per la situazione demografica complessa che abbiamo qui da noi. Ci sono regioni importanti del Nord che sono in zona gialla e hanno una situazione drammatica dal punto di vista delle terapie intensive e del livello di contagiosità. Allora significa che l'algoritmo non ha funzionato e non funziona. L'algoritmo è come la cosa in sé di Kant, un inconoscibile, nessuno sa cosa sia. Si pronuncia algoritmo ma significa marchettificio. Togliamolo di mezzo", è la denuncia di Vincenzo De Luca a Che Tempo che Fa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Gomorra 5, la stagione conclusiva è alle porte: anticipazioni puntate

Attualità

Mina Settembre, anticipazioni puntata 31 gennaio

Attualità

Mina Settembre, è ancora un trionfo di ascolti per la serie "napoletana"

Arredare

Vomero: apre un mega Scavolini Store

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento