De Magistris: “Oggi pomeriggio il mio provvedimento”

Il primo cittadino ha annunciato che non chiuderà la città

Sarà pubblicato nel primo pomeriggio il provvedimento anti assembramenti che il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha annunciato nei giorni scorsi definendolo "iniziativa clamorosa". Intervenuto a Radio 24, de Magistris ha fatto sapere che a breve si recherà dal prefetto di Napoli, Marco Valentini, per rappresentarglielo. Nel provvedimento, ha spiegato, "metterò in campo azioni per cercare di contenere l'assembramento ma per dimostrare al Governo nazionale e al governo regionale che, dopo 20 giorni di mie sollecitazioni, ancora non ci dicono se la realtà è uguale ai dati. Quali sono queste azioni? Non lo dico, sono abituato a commentare i provvedimenti dopo. Sicuramente non chiudo singole strade e non chiudo tutta la città. Faremo un lavoro tutti quanti insieme per intervenire dove si formano gli assembramenti, lo faranno le persone che collaborano da sempre: forze di polizia, prefetto, sindaco e cittadini, perché il cittadino non è colpevole di tutta questa storia".

"La zona rossa non viene dichiarata per paura di rivolte? Non lo so, le interpretazioni possono essere tante e una è questa" ha detto il sindaco. "La zona rossa - ha ricordato de Magistris - la annunciò il presidente della Regione Campania in modo roboante una quindicina di giorni fa e, pochi minuti dopo, siccome fu una notizia che suscitò scalpore perché non era accompagnata da informazioni adeguate di ristoro, creò quello sconcerto. È una lettura, ma è una lettura un po' sconcertante, perché a Napoli la maggior parte delle manifestazioni sono pacifiche. Se la situazione sanitaria è drammatica basta spiegare che bisogna fare più restrizioni, contestualmente prevedi i ristori e si va avanti". De Magistris ha sottolineato come nelle ultime settimane ci siano state a Napoli "non meno di venti manifestazioni, tutte pacifiche. Quella", riferendosi alla manifestazione del 23 ottobre poi sfociata in disordini nei pressi di Palazzo Santa Lucia, "è stata una manifestazione particolare in cui alcune frange violente si sono infilate in un corteo pacifico. Ma non è l'unica lettura, possono essercene altre: una può essere che i dati che noi leggiamo ogni giorno non corrispondono alla realtà dei posti letto disponibili".

"L'Esercito? Se la situazione è talmente grave che c'è bisogno dei medici dell'Esercito è chiaro che concordo, ma se l'Esercito significa per controllare la gente che cammina per strada mi sembra una misura totalmente inappropriata". Ha detto il primo cittadino interpellato sulle dichiarazioni del ministro degli Esteri Luigi Di Maio sulla necessità di inviare "Esercito e Protezione civile" a Napoli e in Campania, de Magistris ha risposto: "Per cosa? Se è per la gestione della parte sanitaria, allora vuol dire che c'è qualcosa che non va nell'organizzazione politica della sanità campana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

  • Vietato uscire a Natale e a Capodanno fuori dal comune: "Non sarò possibile raggiungere i nonni"

Torna su
NapoliToday è in caricamento