Cronaca

“Napoli, stai zitto”: insulti razzisti durante partita di calcetto a Padova

L'episodio è avvenuto nel corso di una partita del campionato regionale giovanissimi

Una partita di calcetto del campionato regionale giovanissimi, a Padova, si è trasformata in uno scontro verbale intriso di razzismo. Il match era tra Sacra Famiglia e Virtus Agredo di Loreggia, due squadre formate da quattordicenni.

Prima un ragazzino di origini nigeriane – ma da 7 anni adottato e residente a Padova – si è sentito dire “stai zitto negro”. Poi ha ricevuto un pugno al basso ventre dall'avversario. Accennando ad una reazione è stato quindi espulso dall'arbitro.

A quel punto è intervenuto il suo allenatore, il napoletano Domenico Esposito. “Ho fatto presente l'accaduto all'arbitro e all'allenatore degli avversari e per tutta risposta – racconta al Mattino Esposito – il tecnico della Virtus Agredo mi ha detto 'Napoli stai zitto'”.

I genitori dei giocatori del Sacra Famiglia pensano di chiedere un incontro alle altre società perché non si ripetano episodi del genere. “Noi siamo gli educatori di riferimento di questi adolescenti insieme ai familiari – conclude mister Esposito – sta a noi spiegare come ci si deve comportare”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Napoli, stai zitto”: insulti razzisti durante partita di calcetto a Padova

NapoliToday è in caricamento