Whirlpool, gli operai occupano pacificamente Capodichino

Un anno dopo il primo blitz all'aeroporto, la fabbrica di Ponticelli è chiusa

La protesta (foto Massimo Romano-NT)

Prosegue la protesta dei lavoratori della Whirlpool, il cui stabilimento di via Argine a Ponticelli è stato chiuso dalla multinazionale lo scorso 31 ottobre.

Quest'oggi si sono dati appuntamento, in cento circa, all'aeroporto di Capodichino, dove hanno occupato pacificamente l'area antistante allo spazio delle partenze.

Hanno anche esposto uno striscione, e intonato cori contro la chiusura della fabbrica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Video di Massimo Romano)

Lo scorso 5 novembre lo sciopero generale indetto da Cgil, Cisl e Uil ha visto in piazza Dante tra gli altri una corposa rappresentanza dei 430 lavoratori licenziati dall'azienda, i quali hanno letto una lunga lettera alla platea e incassato, ancora una volta, l'appoggio del Comune di Napoli nella loro vertenza.

Un anno fa, altro blitz a Capodichino

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 18 al 22 gennaio (giorno per giorno)

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

  • Acqua, bicarbonato e limone: benefici e controindicazioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento