menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vittoria e i suoi genitori

Vittoria e i suoi genitori

Un sì per la piccola Vittoria, potrà essere curata con il farmaco sperimentale

Un anno e otto mesi, è affetta da Sma 1, malattia neurologica degenerativa. Ma l'ok del Tribunale potrebbe non bastare. La madre: "Serve il farmaco, bisogna far presto"

Per il Tribunale di Napoli nord è sì. Una svolta positiva nel calvario della piccola Vittoria De Biase, la bambina di Marano affetta da Sma 1, malattia neurologica degenerativa: potrà avere il farmaco con il quale altri pazienti sono migliorati.

Vittoria ha solo un anno e otto mesi. Potrebbe in futuro vedere gravemente compromesse le sue funzioni respiratorie. I genitori rivolgono un appello al ministero della Salute, nella speranza che possa richiedere il farmaco sperimentale prodotto in California.

La battaglia contro la burocrazia, che non permetteva alla piccola di utilizzare il farmaco in sperimentazione negli Usa, è stata vinta dagli avvocati della famiglia De Biase.

"Ringrazio la mia città, i miei legali, i medici, il presidente del tribunale di Aversa, per tutto quello che hanno fatto per Vittoria – spiega sua madre – Ma ora bisogna fare presto: non le resta molto tempo e possiamo battere la malattia, se il farmaco le viene somministrato prima possibile. Se dovesse insorgere un nuovo problema respiratorio, mia figlia potrebbe morire".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento