Narcotizzò una cliente e la violentò: condannato ristoratore di Sorrento

Sette anni e due mesi di carcere per il titolare del ristorante dove avvenne la violenza

Sette anni e due mesi di carcere. È questa la condanna inflitta dal tribunale di Torre Annunziata ai danni del ristoratore di Sorrento accusato di violenza sessuale ai danni di una 22enne. Cinque anni e sei mesi sono stati, invece, inflitti ai danni di colei che è stata considerata la sua complice.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fatti contestati 

I due sono accusati di aver attirato in un ristorante di Sorrento la giovane per permettere al proprietario di drogarla prima e poi di approfittare sessualmente di lei. In particolare le avrebbe fatto bere la cosiddetta “droga dello stupro” sciolta all'interno di un bicchiere di vino. Il reato si consumò il 12 ottobre 2016 e i due vennero arrestati nel dicembre del 2018. Il tribunale ha disposto anche un risarcimento a favore della vittima di 20mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento