Vigilante aggredito alla stazione “La Trencia”: l'azienda assume la figlia

Lina, figlia di Gennaro Schiano, lavorerà nella stessa azienda del padre, la Services Gruoup

Morì dopo aver subito un'aggressione nella stazione “La Trencia” di Pianura. A distanza di poco più di un anno da quella brutale aggressione, la figlia è stata assunta nella stessa agenzia di vigilanza dove lavorava il padre. L'annuncio è avvenuto questa mattina all'interno del Consiglio regionale della Campania in occasione della consegna di una targa commemorativa. L'agenzia Services Group dove lavorava Gennaro Schiano assumerà la figlia Lina che prenderà il posto del padre ucciso nella stazione della Cumana.

La cerimonia 

Alla cerimonia erano presenti il presidente del consiglio Rosa D'Amelio, il consigliere Antonio Marciano, il presidente della fondazione Polis, don Tonino Palmese e il segretario generale Enrico Tedesco. Il vigilante morì quattro mesi dopo essere stato aggredito da un 18enne che è stato condannato ma non per omicidio. Una ginocchiata alla testa e la successiva caduta provocarono una frattura al cranio al vigilante che gli risultò fatale dopo un lungo calvario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole della figlia 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Lutto in Prefettura, muore 65enne nel giorno del suo compleanno

Torna su
NapoliToday è in caricamento