rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Vico equense

Vico Equense, sì al cibo ai cani randagi: il sindaco revoca l'ordinanza

Numerose le polemiche suscitate a inizio anno: Gennaro Cinque aveva vietavo sul suolo pubblico, quanto sulle proprietà private, di dar da mangiare e bere a cani e gatti randagi

Aveva approvato una ordinanza in cui si vietava tanto sul suolo pubblico, quanto sulle proprietà private di Vico Equense di dar da mangiare e bere a cani e gatti randagi.

Ma dopo le proteste di cittadini e animalisti, il sindaco Gennaro Cinque ha modificato quanto stabilito precedentemente. Il provvedimento, impugnato dalla "Lega per l'abolizione della Caccia Lac", è stato accolto dal Tribunale amministrativo regionale della Campania unicamente nella parte che ordina a chiunque di "non somministrare in maniera saltuaria e/o ordinaria, cibi o alimenti ad animali, sia sul suolo pubblico sia su aree private al fine di impedire il proliferare".


Il ricorso al provvedimento, scrivono in una nota dal Comune, "si era reso necessario per fronteggiare problemi di carattere igienico sanitario in alcune pubbliche vie e spazi all'aperto, causati dai resti di cibo abbandonati". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vico Equense, sì al cibo ai cani randagi: il sindaco revoca l'ordinanza

NapoliToday è in caricamento