Tragico incidente stradale a Posillipo, auto precipita nel vuoto nella "curva maledetta"

La vettura è caduta in un parco sottostante. Il 29enne è stato trasportato d'urgenza al Cardarelli

Incidente via Petrarca (Foto di Carlo Di Santo)

Gravissimo incidente stradale in via Petrarca dove un'automobile dopo aver impattato la ringhiera ha travolto la recinzione precipitando giù nel vuoto. La vettura è caduta dall'altezza del civico 64, in un parco di una piazza sottostante. Difficili le operazioni di recupero dei vigili del fuoco. Un ragazzo di 29 anni, D.S. è stato portato in ospedale al Cardarelli in codice rosso. Ha riportato un trauma toracico con fratture di alcune coste e pneumotorace. E' vigile e avrebbe raccontato di aver perso il controllo della vettura. Decisive le prossime ore per la prognosi, ma al momento le sue condizioni sono incoraggianti nonostante il volo nel vuoto.

Nove anni fa persero la vita nel "serpentone" tre ragazzi

Nel maggio del 2011 sempre nella "curva maledetta" tre giovani persero la vita precipitando dal "serpentone". Erano le 4 del mattino quando l'auto sulla quale viaggiavano (una Mini One) uscì di strada sfondando la ringhiera in ferro compiendo un tragico volo di oltre 50 metri. Il proprietario del veicolo, Gianluca Del Torto, 19 anni e i suoi due amici Gianmaria De Gregorio e Oliviero Russo, persero la vita. Ci si interrogò a lungo sulle condizioni di sicurezza della curva e della ringhiera, ma come dimostra l'incidente di oggi niente di concreto è stato fatto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

29ENNE MIRACOLATO: BUONE NOTIZIE DAL CARDARELLI

Incidente annunciato

"La notizia dell'auto precipitata dal costone di Posillipo, purtroppo non ci sorprende affatto. Dopo quello accaduto nel 2011 che causò la morte di 3 giovani, questo è un incidente annunciato, che poteva essere evitato se solo qualcuno avesse dato ascolto ai nostri allarmi dell'anno passato. Sul tema della sicurezza della rete viaria di Napoli abbiamo chiari i problemi, ma sono le soluzioni che tardano ad arrivare. In tutto questo tempo, infatti, nulla è stato fatto per l'ammodernamento, l'alleggerimento del traffico e la messa in sicurezza di alcune importanti arterie della città. Il passo deve cambiare. Occorre un piano per la sicurezza e il diritto alla mobilità che non vediamo arrivare. Questa amministrazione si avvia a terminare la sua esperienza lasciando solo macerie". Lo scrive in una nota Severino Nappi, Lega Campania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento