Vestiti sequestrati dalla polizia: il giudice li dà in beneficenza

Scelto un istituto di beneficenza del Vomero. I capi erano contraffatti e sono state tolte le etichette false

La merce sequestrata dalla Polizia di Stato va in beneficenza ad un centro caritatevole. Il Gip del Tribunale di Napoli con un provvedimento innovativo ha disposto la devoluzione ad un istituto di beneficenza di diversi giubbotti contraffatti sequestrati giorni fa dalla Polizia Ferroviaria di Napoli. In particolare, il magistrato, in luogo della consueta distruzione tout court, ha disposto la rimozione delle etichette griffate di un noto brand e dunque, il conferimento di anonimi ma efficienti capi di abbigliamento che, specie con il freddo di questi giorni, hanno avuto una nuova esistenza e sicuramente hanno reso felici tante persone più sfortunate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa mattina gli Agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania, dopo aver rimosso tutte le etichette avendo cura di non compromettere la piena utilizzabilità dei capi, si sono recati presso il Centro AbitiAmo San Giuseppe Moscati della Comunità Parrocchiale San Gennaro al Vomero dove il parroco li ha accolti con caloroso affetto ringraziando le Istituzioni per il sostegno alle  proprie attività caritatevoli auspicando che anche per il futuro determinati capi di abbigliamento anziché andare al macero possano essere donati ai bisognosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento