Baby gang a Napoli: l'allarme dei Verdi

Borrelli: «Prefetto e Questore intervengano se non vogliano ritenersi responsabili delle violenze»

«Continuare a ignorare l’emergenza sicurezza derivante dalla prepotenza e dalla crescita esponenziale del potere delle baby gang in molte zone della città, significa rendersi complici e responsabili delle loro violenze». È durissimo l'attacco che fa il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, all'indirizzo delle autorità di controllo dell'ordine pubblico cittadino. Borrelli si riferisce a prefetto e questore e chiede con forza il loro intervento in relazione al fenomeno che coinvolge particolarmente la municipalità Chiaia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ormai sono passate diverse settimane dal loro insediamento, ma Questore e Prefetto, così come avevano fatto i loro predecessori, sembra che non si vogliano interessare della questione - hanno aggiunto i Verdi per i quali - il Prefetto dovrebbe convocare immediatamente un tavolo per la sicurezza, prima che una tragedia faccia diventare drammaticamente attuale il tema delle baby gang che non può essere ancora ignorato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, il bollettino della Regione: 4 nuovi casi in Campania

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Litigio furibondo all'esterno di un bar, giovane presa a schiaffi dal fidanzato

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento