Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Chiaia

Lo scooter dal proprietario "fantasma": scoperta truffa per non pagare multe

Nei guai quattro persone e coinvolta un'agenzia di pratiche automobilistiche del Lungomare

Sono quattro in tutto le persone denunciate dal Reparto di investigativa centrale della municipale partenopea con l'accusa di falso ideologico in atto pubblico. Attraverso un'agenzia del Lungomare, avrebbero organizzato delle irregolarità nella procedura di compravendita di motoveicoli.

L'inchiesta è nata da una segnalazione presentata dagli uomini del Nucleo veicoli abbandonati della stessa polizia locale di Napoli ai propri colleghi della Sezione giudiziaria. Dopo aver consultato la banca dati nazionale per poter procedere alla rimozione di un motoveicolo nella zona dei “baretti”, gli agenti hanno riscontrato l'assenza anagrafica della donna risultata, dai registri della motorizzazione civile, intestataria della targa.

Nel mirino degli investigatori sono finiti quattro uomini, l’acquirente, il venditore e i gestori dell’agenzia di pratiche automobilistiche, legati tra loro o per grado di parentela diretta o per conoscenza ultradecennale. Contestata la firma falsa e l’aver inserito all’atto della registrazione del passaggio di proprietà dati inesatti.

Da verifiche effettuate sul numero di targa sono emersi infatti verbali per circa 2mila euro per violazioni al codice della strada la cui notifica si era resa impossibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scooter dal proprietario "fantasma": scoperta truffa per non pagare multe
NapoliToday è in caricamento