De Luca: "I napoletani non si vaccinano. In autunno, rischio terapie intensive piene"

Dal presidente della Regione un appello ai cittadini: "Non abbiamo raggiunto l'immunità di gregge e le variante Delta ci preoccupa. C'è bisogno di far crescere i numeri"

La tanto agognata immunizzazione di Napoli entro luglio non ci sarà. Secondo Vincenzo De Luca sono ancora troppi i napoletani che non si sono vaccinati o che, ricevuta la prima dose, non hanno fretta di prenotarsi per la seconda. 

Il presidente della Regione Campania annuncia che, se questo sarà l'andazzo anche nelle prossime settimane, la prospettiva è quella di "...vivere un autunno infernale, con l'aumento dei contagi e l'occupazione dei posti di terapia intensiva". Per De Luca, la responsabilità del rallentamento è da ricercare in due aspetti: "L'incapacità di ministro e commissario, che dovrebbero dimettersi, nella comunicazione su Astrazeneca che ha provocaro sfiducia nei cittadini. Ovviamente, c'è anche una quota parte di scarso senso civico dei cittadini". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

De Luca: "I napoletani non si vaccinano. In autunno, rischio terapie intensive piene"

NapoliToday è in caricamento