Vandali nelle ville sequestrate ai Polverino

Erano state recentemente assegnate ad associazioni per finalità sociali

Nella notte scorsa delle ville confiscate al clan Polverino sono state, a Quarto, oggetto di raid vandalici. Soltanto alcuni giorni fa erano state date in gestione ad associazioni per finalità sociali.

I tecnici del Comune quartese hanno ispezionato gli immobili scoprendo che ignoti avevano provato a forzare la porta di ingresso dal garage ad una delle ville, questo danneggiando un vetro e scardinando una porta.

Nonostante il tentativo di effrazione, non risultano furti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È un atto gravissimo – ha commentato il sindaco Antonio Sabino – che abbiamo prontamente denunciato ai carabinieri con cui siamo in costante contatto Saranno le indagini ad accertare quanto accaduto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento