menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il monumento

Il monumento

Vandalizzata la scultura in memoria di Spike, il cane ucciso a Pozzuoli

L'opera, posta dal Comune proprio dove l'animale venne ritrovato in fin di vita, è stata colorata di rosso e sono stati devastati i fiori ai suoi piedi

Non c'è pace per Spike, il cane barbaramente ucciso – bruciato vivo – al Rione Toiano a Pozzuoli. Dopo l'assoluzione per il presunto killer, la scultura in suo onore è stata vandalizzata da ignoti. A raccontarlo è Cronaca Flegrea.

L'opera è stata colorata di rosso, e i fiori posti ai suoi piedi devastati. Gli atti vandalici sono stati denunciati dai residenti della zona. L'opera risale al dicembre del 2014, ed è stata posta dal Comune di Pozzuoli proprio nel punto in cui il cane fu trovato in fin di vita.

Lo scorso 17 novembre il 24enne imputato per aver ucciso Spike è stato assolto dopo che le accuse nei suoi riguardi – in un processo in cui il Comune guidato da Vincenzo Figliolia si era costituito parte civile – erano state ritrattate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Vitamina E, Covid e sesso. Cosa sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento