Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Vaccino Covid, terza dose per tutti dal 20 settembre. Ma la decisione divide gli esperti

Si partirà con soggetti immunodepressi e fragili, poi man mano il richiamo sarà fatto anche alle altre categorie. Galli: "Andrebbe fatta solo se necessaria"

Si avvicinano le prime terze dosi di vaccino anti-Covid, il secondo richiamo. Si inizierà dal 20 settembre. È la decisione emersa al termine di una riunione a Roma tra il ministro della Salute Roberto Speranza e il Commissario per l'Emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo.

Inizialmente sarà coinvolta una platea di circa tre milioni di pazienti immunocompromessi, tra cui trapiantati, oncologici e con patologie autoimmuni. Toccherà poi a soggetti fragili, ospiti delle Rsa e ultraottantenni. Via via gli altri. Anche per la terza dose verranno messe a disposizione ulteriori dosi di Pfizer e Moderna.

Non tutti gli esperti sono concordi sull'utilità del "booster", appunto la terza dose, per tutta la popolazione.

"Sono favorevole alla terza dose partendo con gli immunodepressi e poi, a distanza di 9-12 mesi dal termine del ciclo vaccinale con due dosi, anche per il resto della popolazione", è il parere di Massimo Andreoni, primario di Infettivologia al Policlinico di Tor Vergata. Massimo Galli, ordinario di Malattie Infettive all'Università di Milano è invece perplesso. "La terza dose va fatta ove si definisca necessaria e in determinate situazioni; sono invece meno propenso per una terza dose a tutti, perché sono necessarie basi scientifiche più approfondite - afferma - la mia netta impressione è che ci siano persone che rimangono protette per mesi e altre che rispondono poco o nulla al vaccino. Quindi, chi non risponde potrebbe non rispondere neanche alla terza dose".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino Covid, terza dose per tutti dal 20 settembre. Ma la decisione divide gli esperti

NapoliToday è in caricamento