Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

No al vaccino J&J in farmacia: "Attediamo notizie dalla Regione"

Il nuovo farmaco è stato consigliato per gli over 60 mentre i farmacisti potranno vaccinare persone tra i 18 e i 59 anni. Federfarma: "Noi siamo pronti, ci dicano con quale vaccino iniziare"

Non sarà il Johonson&Johnson il vaccino anti-Covid che verrà somminsitrato nelle farmacie. Dall'Aifa arriva la raccomandazione di usarlo per gli over 60, così come Astrazeneca. Una notizia che potrebbe rallentare la partenza delle vaccinazioni da parte dei farmacisti napoletani, prevista tra la fine di aprile e la prima metà di maggio. Infatti, le disposizioni della Regione Campania obbligano i farmacisti a operare solo con pazienti tra i 18 e i 59 anni. Tutto dipenderà, quindi, dalle scorte di Pfizer e Moderna, unici vaccini 'consigliati' per coloro che hanno meno di 60 anni.

Federfarma Napoli non fa drammi: "Non cambia nulla per noi, devono dirci solo con quale farmaco iniziare - spiega il presidente Riccardo Maria Iorio - Adesso dipende dalla Regione e dagli accordi nazionali per le scorte. Noi potremmo anche partire tra qualche giorno, ma ovviamente servono le dosi. Ci aspettiamo una chiamata da Palazzo Santa Lucia entro fine aprile". 

Soltanto nella città di napoli sono 540 le farmacie che hanno aderito alla campagna vaccinale e, sempre secondo Federfarma, si potrebbe viaggiare a un ritmo di 10mila inoculazioni al giorno. La principale preoccupazione riguarda la preparazione del farmacista nell'eventualità si verificassero effetti collaterali: "Siamo stati formati anche se, ovviamente, non potremo mai sostituire un medico. - spiega Renato Carraturo della Farmacia Melillo in via Ponte di Casanova - Sapremo come affrontare piccole reazioni, mentre in caso di episodi più seri contatteremo il 118. Si tratta, comunque, di una possibilità remota. Le somministrazioni saranno effettuate in un locale diverso da quello in cui vendiamo i prodotti e sarà allestito uno spazio per il post vaccinazione. Speriamo di iniziare presto, il nostro coinvolgimento può dare una spinta formidabile alla campagna del Paese". 

Si parla di

Video popolari

No al vaccino J&J in farmacia: "Attediamo notizie dalla Regione"

NapoliToday è in caricamento