rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022

Primi giorno di vaccino ai bimbi. I genitori: "Potranno tornare alla normalità"

La campagna vaccinale anti-Covid 5-11 anni parte dai cinquanta ragazzini della Vittorino da Feltre di San Giovanni a Teduccio. De Luca: "Poche prenotazioni, ma in Campania siamo troppo protettivi con i figli"

Un po' di ansia e qualche lacrima, ma il primo giorno del vaccino ai bambini della fascia 5-11 anni è filato tutto liscio. E' cominciata da San Giovanni a Teduccio la campagna regionale per l'immunizzazione al Covid per i più piccoli. Nella scuola Vittorino da Feltre è stato allestito un hub in palestra con la collaborazione dell'Asl Napoli 1 Centro. Non solo pediatri, ma anche animatori, scritte colorate e un regalo di Natale per tutti i bimbi che si sono sottoposti alla prima inieizione. 

"Aspettavamo il primo giorno per poter vaccinare nostro figlio - racconta un papà - Sappiamo che possono esserci dei rischi, ma i benefici sono nettamente superiori. Non vogliamo che perda ulteriore tempo in casa, vogliamo che possa andare liberamente a scuola e a fare sport". 

Un pensiero condiviso da tutti i genitori dei cinquanta ragazzini prenotati per il primo giorno. "Capisco chi ha ancora timore - afferma una mamma - ma il vaccino è l'unica strada per far tornare alla normalità i nostri figli. Se tutti si vaccinano allora non ci sarà più la dad". 

All'apertura dell'hub ha partecipato anche il presidente della Regione Vincenzo De Luca, che ha ammesso come in Campania le prenotazioni per la fascia 5-11 siano meno che in altre regioni: "Credo che influisca anche il rapporto più stretto, più protettivo che qui si ha con i figli. Non voglio dire che c'è mammismo, però sicuramente un rapporto diverso rispetto al Nord. C'è stata anche tanta disinformazione. Dobbiamo spiegare alle mamme e ai papà che nel mondo sono già milioni i piccoli vaccinati senza alcun problema". 

Soddisfatta la dirigente dell'Istituto Valeria Pirone: "Quando abbiamo annunciato che ci sarebbe stato un hub vaccinale nella scuola il quartiere non ha reagito benissimo. Infatti, fino a pochi giorni fa non c'era alcuna prenotazione. Però, dopo il lavoro di informazione che abbiamo portato avanti con i pediatri le persone hanno capito che è un passo importante. In questo periodo abbiamo più alunni contagiati dell'anno scorso. Se vogliamo tenere le scuole aperte questa è l'unica strada". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Primi giorno di vaccino ai bimbi. I genitori: "Potranno tornare alla normalità"

NapoliToday è in caricamento