Vaccini Covid, la testimonianza: “Assembrati in un sottoscala, al mio turno erano finite le dosi”

Un'operatrice sanitaria racconta a NapoliToday la disavventura che ha vissuto oggi per vaccinarsi contro il Covid

T.G. è un'operatrice sanitaria, una fisioterapista. A NapoliToday ha raccontato la sua esperienza per vaccinarsi contro il Covid, rivelatasi particolarmente negativa.

Oggi aveva "ricevuto l’sms da parte dell’asl Napoli 2 nord per effettuare il vaccino alle ore 14 presso il P.O. Di Pozzuoli. Recatami in questa sede alle ore 13 esatte c’era il caos più totale: ammassati senza alcuna norma di sicurezza si procedeva a chiamare gli operatori sanitari non per prenotazione ma per un foglio scritto a mano da una guardia giurata dell’ospedale".

L'esperienza negativa di T. non finisce qui. "Sono state effettuate dosi di vaccino a chi non aveva prenotazione così che arrivato il mio turno, dopo aver aspettato varie ore, le dosi erano finite e non ho potuto effettuare la vaccinazione - prosegue - La situazione è indecente soprattutto se si pensa che dovrò ritornare (non si sa quando) e ripete nuovamente la stessa procedura. Le norme ci vietano di vedere i nostri cari per evitare assembramenti, e poi ci tenete assembrati in un sottoscala ospedaliero per ore e per giunta senza alcun risultato. Non ho più parole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

Torna su
NapoliToday è in caricamento