rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
La decisione

Uccise la madre adottiva a coltellate: il giudice manda il 17enne in un carcere minorile

Dopo il delitto di mercoledì il giudice ha deciso questa misura cautelare

Il gip di Napoli ha disposto la custodia cautelare in istituto penale minorile per il 17enne che due giorni fa ha ucciso a coltellate la madre nel centro storico di Napoli. Questa mattina si è svolta l'udienza di convalida del fermo di indiziato di delitto per il reato di omicidio aggravato, emesso dalla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Napoli nella serata di mercoledì. L'omicidio è avvenuto nel tardo pomeriggio di mercoledì 15 giugno, quando gli agenti dell'Ufficio prevenzione generale e del Commissariato Decumani, su disposizione della Centrale operativa, sono intervenuti in rampe San Giovanni Maggiore per la segnalazione di una persona ferita che chiedeva aiuto dal balcone di un'abitazione.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno notato, al primo piano dello stabile, un giovane in forte stato di agitazione e con le mani sporche di sangue, il quale ha raccontato che la madre si era auto lesionata con un coltello. I poliziotti, grazie al supporto dei Vigili del Fuoco, sono entrati nell'appartamento dove hanno trovato, riversa sul letto della sua camera, la donna priva di vita e hanno accertato che il giovane, poco prima, l'aveva ferita numerose volte con un coltello al culmine di una lite scaturita per futili motivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise la madre adottiva a coltellate: il giudice manda il 17enne in un carcere minorile

NapoliToday è in caricamento