“Tutti a Tavola!”, il progetto contro la povertà infantile nelle periferie

Nuovo progetto per Fondazione Progetto Arca Onlus: l'obiettivo è fornire sostegno alimentare alle famiglie con minori in difficoltà di rione Traiano, Bacoli e Monte di Procida

Il filmato di presentazione

Fondazione Progetto Arca Onlus aveva già nel 2013 ideato un progetto per l'emergenza povertà infantile a Milano e Napoli. A distanza di due anni, soprattutto nel capoluogo partenopeo, la situazione è peggiorata: 155 mila bambini in Campania vivono in condizione di povertà assoluta, l’80% delle famiglie è costretto a ridurre le spese per l’acquisto di generi alimentari, il 22% dei ragazzi abbandona la scuola dopo il diploma.

Dati preoccupanti, che hanno spinto la fondazione a proporre il progetto “Tutti a Tavola!”. L'attenzione stavolta è concentrata nelle tre aree in cui si è identificata una situazione particolarmente critica: si tratta della zona del rione Traiano a Napoli, e dei Comuni limitrofi di Bacoli e Monte di Procida. Lì sono molte le famiglie in situazioni economiche difficili, con almeno un coniuge in progione o ai domiciliari. Famiglie che non possono provvedere ad una crescita sana dei propri figli.

“Queste periferie, caratterizzate da una forte diffidenza verso i servizi socio assistenziali e dalla carenza di strutture ricreative per i bambini e i ragazzi – spiegano i promotori del progetto – sono pervase e dominate dalla microcriminalità”. “Tutti a tavola!” vuole offrire un aiuto a 360°: dall’educazione alimentare all’istruzione al tutoraggio dedicato alle mamme con difficoltà alle attività ricreative.

Concretamente, il progetto s'incentrerà sul sostegno alimentare alle famiglie con minori. Particolare attenzione verrà data alle colazioni e alle merende nelle cartelle dei bambini. Due le novità sostanziali: innanzitutto i bimbi verranno coinvolti in una doppia veste, ossia non solo come beneficiari ma anche come “agenti di cambiamento e moltiplicatori di buone prassi”; poi vi saranno diverse “tavole” al centro del progetto, una per mangiare, una per imparare ed una per giocare. Si tratta di “tavole” e di comunità che non saranno solo reali, ma anche virtuali, nelle quali i ragazzi potranno confrontarsi, aiutarsi raccontare e diffondere le loro esperienze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tutti a Tavola!” è, come spiega Progetto Arca, una risposta “da un lato di tipo emergenziale”, dall'altro però vuole “prevenire la povertà di domani” e quindi strutturale. Proseguiranno le collaborazioni già attivate col precedente progetto del 2013. Un lavoro in coordinamento con Comune di Napoli, Comune di Bacoli, Comune di Monte di Procida, Comunità di Sant’Egidio, Associazione Medaglia Miracolosa, Servizi Sociali, Scuole elementari e medie, Fondazione Banco Alimentare, associazione La Casetta di Napoli, Parrocchie e Oratori, Congregazione delle Suore di San Vincenzo, Fondazione Mediolanum, volontari, 130mila piccoli donatori e le aziende che sostengono Progetto Arca. E' possibile contribuire qui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento