menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Poliziotti aggrediti sul lungomare: arrestato un tunisino

E' successo nel corso dei controlli su via Caracciolo. L'extracomunitario ha inveito contro gli agenti mentre questi stavano effettuando controlli su l'autista di un motorino, anche egli denunicato per resistenza e oltraggio

Ha aggredito gli agenti sul lungomare di via Caracciolo. Un tunisino di 27 anni è stato arrestato, nella serata di ieri, dagli agenti dell'Upg della questura. Imami Fraj risponde del reato di resistenza a pubblici ufficiali, violenza, lesioni personali dolose, danneggiamento aggravato dei beni dello Stato. Inoltre è stato denunciato in stato di libertà, perché sprovvisto di documenti di riconoscimento.

Il tutto è avvenuto durante il controllo di un centauro sul lungomare. Gli agenti hanno notato un Piaggio Liberty, in sella al quale vi erano due persone; il conducente era privo del casco. Dopo aver imposto l'alt al ciclomotore, i poliziotti hanno proceduto all'identificazione dei due occupanti, e a redigere verbale di fermo amministrativo. Il conducente, un uomo di 34 anni, ha prima inveito contro gli agenti, e poi ha simulato una crisi nervosa, buttandosi a terra ed urlando.

Mentre i poliziotti cercavano di riportarlo alla calma, il cittadino extracomunitario, di passaggio sul posto, si è unito al conducente, inveendo a sua volta contro i poliziotti, aggredendoli fisicamente e scagliandosi come una furia sulla volante, con calci e pugni.

L'intervento di un'altra volante ha evitato conseguenze peggiori. Anche quando era ormai a bordo dell'auto di servizio della polizia, l'uomo ha continuato a dimenarsi, facendo alcuni danni alla vettura. Imami Fraj, arrestato e giudicato con rito per direttissima, è stato condannato alla pena di 5 mesi di reclusione, con il beneficio della sospensione. I poliziotti, per le ferite riportate, hanno avuto una prognosi di guarigione di sette giorni.

Intanto, dopo qualche ora, la polizia è riuscita ad identificare anche l' uomo che era alla guida senza casco. Si tratta di un pregiudicato di 34 anni, napoletano,  appartenente al gruppo delle "Teste matte", considerata una delle frange più violente del tifo organizzato. L' uomo è stato denunciato per resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento