rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Cronaca

Record di tumori in Campania: "Da noi è più difficile curarsi"

Picco tra Napoli e Caserta. I dati presentati oggi ad Aversa dal ministro della Salute, Renato Balduzzi. Ai primi posti il cancro ai polmoni, molte le malformazioni congenite alla nascita

Non sono buone notizie. I tumori continuano a consumare troppe vite in Campania. Rifiuti tossici, sversamenti illegali, ma non solo. È possibile infatti che si muoia di più perché da noi è più difficile curarsi. Questa la tesi sostenuta nella relazione finale del gruppo di lavoro sulla "Situazione epidemiologica della regione Campania ed in particolare delle province di Caserta e Napoli, con riferimento all’incidenza della mortalità per malattie oncologiche" che sarà presentata oggi ad Aversa dal ministro della Salute, Renato Balduzzi.

I DATI - Tra Napoli e Caserta si muore prima che in altre regioni italiane. In Campania, scrive Daniela De Crescenzo del Mattino, le malattie del sistema circolatorio rappresentano la causa principale dei decessi. Seguono le malattie dell’apparato respiratorio e dell’apparato digerente oltre al diabete mellito.
Per quanto riguarda i tumori maligni, la mortalità tra gli uomini è superiore ai valori dell'intera Italia per il contributo delle province di Caserta (solo per gli uomini) e di Napoli (per entrambi i generi), con tassi particolarmente elevati per tumori di fegato, laringe, trachea-bronchi e polmone, prostata, vescica (nelle donne solo del fegato, della laringe e della vescica). E soprattutto in Campania si viene colpiti dal cancro ai polmoni in maniera significativamente superiore che nel resto d’Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Record di tumori in Campania: "Da noi è più difficile curarsi"

NapoliToday è in caricamento